Scienza, al via l’enorme progetto Earth BioGenome: verranno mappate milioni di specie animali e vegetali

Il progetto Earth BioGenome ha lo scopo di fornire un completo di sequenze di DNA di tutte le 1,8 milioni di specie note di piante, animali, funghi ed eucarioti unicellulari presenti sulla Terra

MeteoWeb

TerraBioGenome Project (EBP) è un progetto di respiro globale, un’iniziativa il cui obiettivo è quello di mappare i genomi di piante, animali, funghi e tutta la vita microbica sulla Terra. Il progetto ha di recente concluso la prima fase. Proceedings of the National Academies of Sciences, i risultati di questi primi progetti pilotano gli obiettivi raggiunti e quelli ancora da riportare nei prossimi anni. “L’EBP cattura l’essenza e l’eccitazione dello sforzo coordinato su più ampia scala nella storia della biologia – afferma Harris Lewin, dell’EBP Working Group, docente presso l’Università della California a Davis – dalla scienza fondamentale alle applicazioni rivoluzionarie legate ai problemi globali, i progressi nel sequenziamento di genomi sono estremamente stimolanti”

Il progetto, che ha preso il via nel 2018, ha lo scopo di fornire un completo di sequenze di DNA di tutte le 1,8 milioni di specie note di piante, animali, funghi ed eucarioti unicellulari presenti sulla Terra. Le previsioni attuali, spiegano gli esperti, indica che il pianeta perderà il 50 per cento della biodiversità entro la fine di secolo se non si interverrà con azioni efficaci per la protezione della salute degli ecosistemi globali. La creazione di una digitale di sequenze di DNA per tutta la vita eucariotica conosciuta, osservano gli strumenti libreria, può essere fondamentale per generare in grado di prevenire la perdita di biodiversità, la risposta di agenti patogeni e per la risposta a una serie di minacce globali. Il progetto si sviluppa come una rete internazionale di network e condivisioni, e si avvale di numerosi sforzi regionali e nazionali, come il California Conservation Genome Project (USA), il Darwin Tree of Life Project (Gran Bretagna e Irlanda), il Vertebrate Genome Project e il progetto 10.000 Progetto Genoma degli Uccelli. Il primo biennio dell’EBP, dal 2018 al 2020, ha rappresentato il momento iniziale di avvio.

L’obiettivo della prima fase, che proseguirà fino al 2023, è quello di produrre genomi di riferimento di circa 9.400 famiglie tassonomiche. Oltre al Comitato Scientifico Internazionale, che sviluppa i metodi standard per il progetto, l’EBP è costituito da comitati su Etica, Questioni Legali e Sociali, Giustizia, Equità, Diversità e Inclusione. A dicembre 2021, l’EBP vede la collaborazione di oltre 5.000 tecnico tecnico, 44 ​​istituzioni distribuite in 22 paesi. Le principali attività dei primi tre anni hanno incluso lo sviluppo e la valutazione di standard e strategie, l’organizzazione di progetti regionali, nazionali e transnazionali e la creazione di comunità attraverso regolari riunioni dei comitati di lavoro e conferenze annuali. Finora i progetti affiliati hanno sviluppato circa 200 genomi di riferimento, e altri 3.000 dovrebbero essere completati entro la fine del 2022.