Sindromi simil-influenzali in lieve aumento: 4,9 casi per mille assistiti

Nella 51ª settimana del 2021 i casi stimati di sindrome simil-influenzale, rapportati all'intera popolazione italiana, sono stati circa 289mila

MeteoWeb

In lieve aumento il numero di casi di sindromi simil-influenzali in Italia soprattutto tra 15 e 64 anni: lo riporta il bollettino settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità.
Il livello di incidenza è pari a 4,9 casi per mille assistiti. La maggior parte dei casi segnalati sono riconducibili ad altri virus respiratori diversi da quelli influenzali la cui circolazione è di tipo sporadico. Nella 51ª settimana del 2021 i casi stimati di sindrome simil-influenzale, rapportati all’intera popolazione italiana, sono stati circa 289mila, per un totale di circa 2.375.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza.
Colpiti maggiormente i bambini al di sotto dei 5 anni, in cui si è osservata, in quest’ultima settimana, un’incidenza di sindromi simil-influenzali pari a 13,1 casi per mille assistiti, in lieve calo rispetto a 14,1 registrato nella precedente settimana.
Due Regioni (Val d’Aosta, Calabria) non hanno ancora attivato la sorveglianza InfluNet.