Smog: polveri sottili sopra i limiti a Torino, Milano e in Emilia-Romagna

Livelli di polveri sottili oltre i limiti al Nord Italia, limitazioni alla circolazione dei veicoli

MeteoWeb

Non si ferma l’inquinamento da polveri sottili al Nord Italia.

A Torino previsto semaforo arancione allargato ai comuni di pianura, con stop ai diesel fino a Euro 5. Da domani, giovedì 27 gennaio fino a venerdì 28, giorno in cui Arpa Piemonte verificherà il perdurare dei fenomeni di inquinamento, prosegue il semaforo arancione che impone il blocco dei veicoli diesel fino alla categoria euro 5 nella sola fascia dell’agglomerato del capoluogo piemontese.
Le limitazioni si applicano anche ai veicoli dotati di dispositivo Move in.
Questa mattina Arpa Piemonte ha comunicato il proseguimento dell’accensione del livello arancione del semaforo antismog per i 33 comuni appartenenti all’agglomerato di Torino, ovvero: Alpignano, Baldissero Torinese, Beinasco, Borgaro Torinese, Cambiano, Candiolo, Carignano, Caselle Torinese, Chieri, Collegno, Druento, Grugliasco, La Loggia, Leini’, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Pecetto Torinese, Pianezza, Pino Torinese, Piobesi Torinese, Piossasco, Rivalta di Torino, Rivoli, San Mauro Torinese, Santena, Settimo Torinese, la stessa Torino, Trofarello, Venaria Reale, Vinovo, Volpiano, Mappano.Torna invece il semaforo verde nei comuni di Carmagnola, Chivasso, Ciriè, Poirino, Rivarolo Canavese, San Maurizio Canavese.

A Milano anche ieri la media giornaliera si è attestata oltre i limiti. Dal bollettino di Arpa Lombardia emerge che le centraline del capoluogo hanno registrato 63 microgrammi per metro cubo d’aria di Pm10 in Marche, 59 in Pascal, 60 al Verziere e 73 in Senato a fronte del limite fissato a 50 microgrammi. Male anche il Pm2.5 che in Pascal ha raggiunto quota 44 e in Senato ha segnato 60, contro un valore limite di 25 microgrammi per metro cubo d’aria.

Ancora semaforo rosso per l’emergenza smog in tutte le province dell’Emilia-Romagna.
A seguito dell’odierno bollettino Arpae anche giovedì 27 e venerdì 28 gennaio resteranno in vigore le misure aggiuntive di contrasto all’inquinamento previste dal Piano aria integrato regionale, a partire dall’estensione, ai diesel Euro 4, del divieto di circolazione che già riguarda, tra le 08:30 e le 18:30 dal lunedì al venerdì, i mezzi a benzina sino alla tipologia Euro 2 inclusa, benzina/gpl o benzina/metano pre Euro e Euro 1, diesel sino alla categoria Euro 3 compresa, ciclomotori e motocicli a due tempi pre Euro e Euro 1.