Si precipita in strada per soccorrere un motociclista ma è in quarantena: condannata nonostante avesse un tampone negativo

Il Tribunale di Rovigo ha confermato la "condanna a 2 mesi di arresto, sostituita da una multa di 4.500 euro" per una donna che ha soccorso un motociclista ferito in un incidente: era in quarantena per Covid ma aveva un tampone negativo

MeteoWeb

Maristella Scarmignan, 56 anni, è stata condannata a 2 mesi di arresto (sostituiti da una multa di 4.500 euro) per aver soccorso davanti casa sua un motociclista che aveva avuto un incidente stradale. Il motivo? La donna era in quarantena per positività al Covid ma un tampone negativo e il senso di solidarietà l’avevano convinta che soccorrere il motociclista era la cosa giusta da fare. La vicenda, accaduta a Ospedaletto Euganeo, in provincia di Padova, risale al 23 aprile 2020 ma solo qualche giorno fa, la donna ha ricevuto la notifica dal Tribunale di Rovigo.

Secondo quanto riporta il Mattino di Padova, quel 23 aprile, la donna aveva sentito un forte botto e si era precipitata in strada per vedere cosa fosse successo. Un 44enne aveva perso il controllo della moto, volando sull’asfalto e finendo dentro un fossato. “Sono corsa fuori di casa e ho visto un fumo pazzesco. Vedevo la moto in mezzo alla strada ma non scorgevo il motociclista. Ho raggiunto il fossato e l’ho visto a terra, dolorante e in difficoltà. Ho temuto il peggio e quindi l’ho soccorso: voleva alzarsi, ma in quelle condizioni sarebbe stato deleterio mettersi in piedi“, ha raccontato Scarmignan al quotidiano.

Sul posto sono poi arrivati 118 e carabinieri, che hanno scoperto che la donna era in quarantena. È così scattata una doppia denuncia per violazione della quarantena e mancata indicazione della propria identità personale, visto che inizialmente la donna si era rifiutata di fornire i propri documenti. Per uscire dalla quarantena erano necessari due test negativi. “A nulla è valso il buonsenso e il mio invito a valutare la situazione, a maggior ragione visto che avevo da poco ottenuto un tampone negativo“, ha spiegato la donna.

Qualche giorno fa, il Tribunale di Rovigo ha confermato la “condanna a 4 mesi di arresto, ridotta a 2 mesi con il rito alternativo e sostituita da una multa di 4.500 euro“. Ma la 56enne non ci sta e ha annunciato che si opporrà al decreto di condanna. “Io, casalinga senza alcun precedente, mi ritrovo con la fedina penale sporca solo per aver aiutato una persona: è indegno. Dovevo forse lasciarlo ferito in strada? Di fronte a una persona che sta male e a un’urgenza del genere, c’è poco da ragionare. E badate bene, avevo un tampone negativo fatto poco prima”, ha concluso Maristella Scarmignan.