Il grido d’aiuto di una donna di Lipari, malata di cancro: “non posso vaccinarmi e senza Green Pass non potrò andare a Messina per le cure”

"Nelle mie condizioni, lo Stato mi nega di poter viaggiare sull'aliscafo", dice Rosaria Casamento, 56 anni, che vive a Lipari e non può vaccinarsi proprio per via della malattia

MeteoWeb

Con l’entrata in vigore del decreto legge del 30 Dicembre, solo chi è in possesso del Super Green Pass potrà utilizzare i mezzi di trasporto pubblici. Questo significa che gli abitanti delle isole che ne sono sprovvisti saranno praticamente bloccati e impossibilitati a recarsi sulla terraferma.

Rosaria Casamento, 56 anni, nativa di Pianoconte (Lipari), ha deciso di lanciare un grido d’aiuto, raccontando l’enorme danno che le producono le nuove regole in vigore dal 10 gennaio. Rosaria purtroppo è malata di cancro ma il 19 gennaio non potrà recarsi a Messina per una visita perché non è vaccinata e dunque non ha il Super Green Pass.

Nelle mie condizioni – dice la donna, sposata e con due figlie – lo Stato mi nega di poter viaggiare sull’aliscafo. Questo è un grido d’aiuto alla politica e quindi allo Stato. Da 14 mesi, la mia vita è cambiata col cancro. Ho sentito le sofferenze più atroci della chemioterapia, ho perso i miei adorati capelli, mi sono vista il corpo mutilato nel profondo per una donna. Ho fatto con sacrifici e sbattimenti per un mese e mezzo radioterapia viaggiando con il mare in tempesta”. “Devo continuare il percorso ancora tanto lungo – racconta Rosaria, disperata – e con la consapevolezza di non conoscere il finale. Oggi lo Stato mi vieta di salire sull’unico mezzo a mia disposizione per raggiungere il luogo delle cure, solo perché non ho fatto il vaccino. Fino adesso non ho potuto farlo proprio per i disturbi chemioterapici pesanti“. “Stato, fai funzionare il mio ospedale – conclude – così mi curo a casa mia e non ho bisogno di usare i ‘tuoi mezzi’. Ricordati che le nostre sono piccole isole hanno esigenze diverse dalla terraferma“.

Covid, Musumeci a Draghi: “da lunedì si rischia la paralisi dello Stretto di Messina”