Il cambiamento climatico dei cicloni tropicali aggrava notevolmente il rischio di precipitazioni estreme-innalzamento di marea negli Stati Uniti

La frequenza degli eventi estremi congiunti può aumentare di 7–36 volte negli Stati Uniti meridionali e di 30–195 volte nel Nord-Est entro il 2100, secondo un nuovo studio

MeteoWeb

I cicloni tropicali sono fattori determinanti di precipitazioni estreme e innalzamento di marea (surge), ma l’attuale e futuro rischio congiunto di precipitazioni e surge non è stato ben quantificato. Utilizzando un approccio basato sulla fisica per simulare le precipitazioni e l’innalzamento della marea a causa dei cicloni tropicali, uno studio, pubblicato sulla rivista Nature, mostra aumenti drastici del rischio congiunto dalle condizioni storiche a quelle previste per il futuro.

La frequenza degli eventi estremi congiunti (che superano i livelli storici di 100 anni di entrambi i rischi) può aumentare di 7–36 volte negli Stati Uniti meridionali e di 30–195 volte nel Nord-Est entro il 2100. Questo aumento del rischio congiunto è indotto dall’innalzamento del livello del mare e dal cambiamento climatico dei cicloni tropicali; il relativo contributo del cambiamento climatico dei cicloni tropicali è superiore a quello dell’innalzamento del livello del mare per il 96% della costa, in gran parte dovuto all’aumento delle precipitazioni. L’aumento dell’intensità della tempesta e la diminuzione della velocità di traslazione sono i principali fattori di cambiamento dei cicloni tropicali che causano precipitazioni e maree più elevate”, si legge nello studio.

I risultati dello studio “dimostrano che il cambiamento climatico dei cicloni tropicali e l’innalzamento del livello del mare possono causare grandi aumenti del rischio congiunto di precipitazioni-surge lungo le coste orientali e del Golfo degli Stati Uniti”, si legge ancora. “Anche se troviamo che il cambiamento climatico dei cicloni tropicali sia più dominante dell’innalzamento del livello del mare nel determinare i cambiamenti nel rischio congiunto dei cicloni tropicali, l’innalzamento del livello del mare ha anche un impatto su altri tipi di inondazioni derivanti, ad esempio, da cicloni extra tropicali o da due eventi meteorologici non correlati, specialmente per periodi di ritorno inferiori a 50 anni”, scrivono i ricercatori.

Lo studio fornisce “prove del fatto che gli eventi estremi congiunti di precipitazioni e surge potrebbero diventare una minaccia crescente per le comunità costiere in futuro”. “Troviamo anche che la dipendenza statistica tra precipitazioni estreme e innalzamento di marea aumenta in futuro per parti della costa, determinando una maggiore probabilità di eventi estremi multi-pericolo durante futuri eventi di tempesta”, concludono i ricercatori.