Come sono le nuvole su Marte? Il rover Curiosity della NASA scruta il cielo e ne svela i segreti

Curiosity ha ripreso immagini di nuvole in movimento dal suo sito di esplorazione sul Monte Sharp

MeteoWeb

Curiosity si è dedicato alla scienza atmosferica su Marte. Il rover della NASA, che ora si avvicina al suo 10° anno di esplorazione del Pianeta Rosso, ha ripreso immagini di nuvole in movimento dal suo sito di esplorazione sul Monte Sharp (Aeolis Mons) con l’obiettivo di misurarne la velocità.

Non è stato un compito facile, ha osservato il Jet Propulsion Laboratory della NASA, poiché le telecamere di Curiosity non sono progettate per osservare il cielo: sono state pensate per riprendere le rocce di Marte e le caratteristiche del paesaggio nel suo viaggio alla ricerca di antichi segni di abitabilità.

Le nuvole marziane sono molto deboli nell’atmosfera, quindi sono necessarie tecniche di imaging speciali per vederle,” hanno spiegato gli esperti del JPL. “Vengono scattate più immagini per poter ottenere uno sfondo chiaro e statico. Ciò consente a qualsiasi altra cosa che si muove all’interno dell’immagine, come nuvole o ombre, di diventare visibili dopo aver sottratto questo sfondo statico da ogni singola immagine“.

Le nuvole (e le loro ombre sulla superficie) sono state catturate in due filmati da otto fotogrammi realizzati il ​​12 dicembre 2021 durante il 3.325° giorno marziano, o sol, della missione (i giorni sul pianeta rosso sono leggermente più lunghi del ciclo di 24 ore sulla Terra).

Curiosity ha utilizzato due volte la sua telecamera di navigazione per esaminare le nuvole da due diverse prospettive, hanno evidenziato gli scienziati del JPL. Due punti di vista consentono di calcolare la velocità e l’altezza delle nuvole, il che a sua volta fornisce indizi sulla loro composizione.

Queste nubi sono molto alte, quasi 80 km sopra la superficie. Fa estremamente freddo a quell’altezza, il che suggerisce che queste nubi siano composte da ghiaccio di anidride carbonica rispetto alle nubi di ghiaccio d’acqua, che si trovano tipicamente a quote più basse,” hanno affermato gli esperti del JPL, che non hanno menzionato la velocità di movimento delle nubi: le velocità tipiche del vento vicino alla superficie di Marte in genere vanno da 7 km/h a 35 km/h, abbastanza per creare energia eolica sul Pianeta Rosso.