Coronavirus, i DATI del monitoraggio settimanale: ancora in calo incidenza e indice RT, continua a diminuire la pressione sugli ospedali

Il tasso di occupazione sia nelle terapie intensive e sia nei reparti ordinari si conferma in calo

MeteoWeb

Continua la discesa dell’incidenza settimanale dei casi di SARS-CoV-2 a livello nazionale: 552 ogni 100.000 abitanti (18/02/2022 -24/02/2022) contro 672 ogni 100.000 abitanti della scorsa settimana. Cala ancora anche l’indice di trasmissione RT: nel periodo 2 febbraio – 15 febbraio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,73 (range 0,68 – 0,82), in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando era pari a 0,77 e al di sotto della soglia epidemica. E’ quanto emerso dal monitoraggio settimanale ISS-ministero della Salute.

Continua a diminuire la pressione sugli ospedali in Italia. Il tasso di occupazione sia nelle terapie intensive e sia nei reparti ordinari si conferma in calo.
Il tasso di occupazione in terapia intensiva – spiega l’ISS – è al 8,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 24 febbraio) vs il 10,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 17 febbraio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è al 18,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 24 febbraio) vs il 22,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 17 febbraio)“.

Secondo i dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia di Ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità, una Regione/PA è classificata a rischio Alto (erano 2 una settimana fa), secondo il DM del 30 aprile 2020; due Regioni/PPAA sono classificate a rischio Moderato (erano 5 una settimana fa). Le restanti 18 Regioni/PPAA sono classificate a rischio basso. 15 Regioni/PPAA riportano almeno una singola allerta di resilienza. Tre Regioni/PPAA riportano molteplici allerte di resilienza.