Dinosauri, la loro estinzione è avvenuta in primavera: nuove scoperte sull’asteroide Chicxulub

Secondo recenti ricerche l'impatto dell'asteroide Chicxulub che pose fine all'era mesozoica, l'era dei dinosauri, si è verificato in primavera nell'emisfero settentrionale

MeteoWeb

Sarebbe stata primavera, quando l’asteroide che 66 milioni di anni fa ha causato l’estinzione dei dinosauri è piombato sulla Terra senza lasciare più alcuna speranza di vita ai rettili più grandi che abbiano popolato il nostro Pianeta.

L’impatto dell’asteroide Chicxulub che pose fine all’era mesozoica, l’era dei dinosauri, si è verificato in primavera nell’emisfero settentrionale. La scoperta, che aiuta a spiegare il modello di estinzione che ne è seguito e si aggiunge alla nostra comprensione di questo momento cruciale nella storia della Terra, è il risultato dell’analisi dei resti fossili di pesci morti subito dopo l’impatto e perfettamente conservati, esaminati con il super-microscopio della struttura europea per la luce di sincrotrone Esrf (European Synchrotron Radiation Facility), un acceleratore di particelle che produce i raggi-x più potenti al mondo. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature, è frutto della ricerca internazionale condotta da Università Vrije di Amsterdam, la svedese Uppsala University e l’Esrf.

Un pesce spatola di Tanis, prima della scansione all’ESRF. A destra manca il rostro (paddle) e a sinistra manca tutto dietro la pinna della spalla.

L’estinzione di massa avvenuta 66 milioni di anni fa a causa della caduta del meteorite sull’attuale penisola dello Yucatàn, in Messico, ancora oggi lascia perplessi gli esperti, essendo uno degli eventi più selettivi nella storia della vita sulla Terra: ha causato l’estinzione di tutti i dinosauri non-aviani, gli pterosauri, le ammoniti e la maggior parte dei rettili marini, mentre ha risparmiato mammiferi, uccelli, coccodrilli e tartarughe. Adesso, la scoperta del periodo dell’anno in cui è avvenuto il catastrofico evento fa luce sul mistero: se nell’emisfero settentrionale era primavera, in quello meridionale era autunno. Ciò significa che molti animali si stavano preparando ad andare in letargo per la stagione invernale e si trovavano quindi in un ambiente più riparato, come grotte o cunicoli sotterranei.

Un pesce spatola di Tanis, prima della scansione all’ESRF. A destra manca il rostro (paddle) e a sinistra manca tutto dietro la pinna della spalla.

La risposta è arrivata dall’analisi di pesci fossili appartenenti al deposito di Tanis, in North Dakota, conservati nel momento della morte avvenuta pochi istanti dopo l’impatto del meteorite. Avevano detriti da impatto depositati nelle branchie, ma da nessuna parte più in basso nel sistema digestivo, suggerendo una morte quasi istantanea avvenuta quando una sessa innescata dall’impatto (acqua continentale scossa dall’impatto) ha causato un’improvvisa ondata a monte. Il momento primaverile di questo impatto catastrofico sarebbe coinciso con una fase particolarmente sensibile per le numerose specie dell’emisfero settentrionale che si sono riprodotte e hanno avuto prole in via di sviluppo durante la primavera. Gli ecosistemi dell’emisfero australe, colpiti durante l’autunno, sembrano essersi ripresi fino a due volte più velocemente di quelli dell’emisfero settentrionale, osservano gli autori.

Melanie Durante lo scavo di un pesce spatola nel giacimento di Tanis. Credito: Jackson Leibach.