Donna curata dall’Hiv: è il terzo caso al mondo, speranze per i malati

La terapia testata con successo su una paziente di New York utilizza un metodo di trapianto di sangue del cordone ombelicale neonatale e successivamente di cellule staminali adulte: 14 mesi dopo, non c'è traccia del virus nel suo sangue

MeteoWeb

Una donna americana ha ricevuto un trattamento sperimentale contro l’Aids che apre la strada a nuove speranze per molti altri malati. Si tratta della prima donna e della terza persona al mondo ad essere stata curata dall’ infezione con il virus Hiv. La notizia e’ stata data alla conferenza in corso a Denver in Colorado proprio su ‘I retrovirus e le infezioni opportunistiche’.

La terapia testata con successo sulla paziente utilizza un metodo di trapianto di sangue del cordone ombelicale neonatale e successivamente di cellule staminali adulte. La malata e’ stata soprannominata “la paziente di New York” (il primo paziente curato dalla Aids venne soprannominato “il paziente di Berlino”) perche’ trattata al New York-Presbyterian Weill Cornell Medical Center in New York City.

Il team della Weill Cornell ha identificato nel sangue del cordone ombelicale di un neonato una anomalia genetica che lo rendeva resistente al virus Hiv e ne ha utilizzato le cellule per il trapianto. L’intervento e’ stato eseguito nel 2017, la paziente ha preso farmaci anti-rigetto e antivirali per 37 mesi, dopo i quali ha sospeso ogni terapia. Ad oggi, 14 mesi dopo, non c’e’ traccia di virus Hiv nel suo sangue.

Gli altri unici due pazienti mai curati dal virus dell’Aids – “Il paziente di Berlino” Timothy Ray Brown e Adam Castillejo – avevano entrambi ricevuto trapianti di cellule staminali adulte da donatori con la mutazione genica resistente all’Aids. Il sangue dei cordoni ombelicali e’ molto piu’ facilmente disponibile delle cellule staminali usualmente impiegate per i trapianti di midollo spinale per le quali e’ molto piu’ difficile trovare un ‘match’.