Esplorazione dello Spazio: presentato il “Polaris Program”, si spingerà oltre l’orbita terrestre più alta mai raggiunta

Presentato il Polaris Program, una luce guida che aiuterà l'umanità a raggiungere nuove destinazioni

MeteoWeb

Il comandante della prima missione spaziale completamente civile ha presentato un nuovo piano di volo, sottoscrivendo 3 lanci SpaceX il cui scopo è fare avanzare rapidamente le capacità di volo spaziale umano, raccogliendo anche fondi a beneficio di alcuni progetti sulla Terra.

Jared Isaacman, il 39enne fondatore di Shift4, una società di elaborazione dei pagamenti online, e comandante della missione Inspiration4 dell’anno scorso, ha rivelato ieri i dettagli del suo “Polaris Program“, un trio di voli spaziali commerciali che inizierà con con la capsula Dragon di SpaceX tra novembre e dicembre di quest’anno e culminerà con il primo lancio con equipaggio su Starpship negli anni a venire.

Il Polaris Program è un passo importante per far progredire l’esplorazione spaziale umana, aiutando al contempo a risolvere i problemi attraverso l’uso di tecnologie innovative qui sulla Terra,” ha affermato Isaacman.

Nel primo lancio del programma, soprannominato “Polaris Dawn“, Isaacman sarà comandante della missione, e sarà accompagnato da tre membri dell’equipaggio: il pilota Scott “Kidd” Poteet, un tenente colonnello in pensione della US Air Force, direttore di missione per Inspiration4; la specialista di missione Sarah Gillis, che sovrintende al programma di addestramento degli astronauti di SpaceX; l’ufficiale medico Anna Menon, che gestisce lo sviluppo delle operazioni dell’equipaggio di SpaceX, ma anche il controllo di missione.

Alba Polare

L’equipaggio di Polaris Dawn sarà un passo avanti rispetto ai risultati della missione da record Inspiration4. Nel settembre 2021, Isaacman e i suoi tre compagni di equipaggio Sian Proctor, Hayley Arceneaux e Chris Sembroski hanno trascorso tre giorni a bordo di una capsula Dragon in orbita terrestre, raggiungendo un’altitudine massima di 565 km, il 5° volo spaziale umano orbitale più alto nella storia.

polaris dawn
Credit: Polaris Program/John Kraus

Con Polaris Dawn tenteremo di spingerci verso l’orbita terrestre più alta mai raggiunta,” ha detto Isaacman.
Il record è attualmente fissato a 1.373 km, raggiunto dagli astronauti Gemini 11 della NASA, Charles “Pete” Conrad e Richard “Dick” Gordon, nel 1966. I membri dell’equipaggio Apollo, inclusi Conrad e Gordon, in seguito volarono più lontano dalla Terra in missioni verso la Luna, ma il record Gemini 11 continua a essere ancora oggi l’orbita terrestre più alta raggiunta dagli astronauti.

Alle sue massime altitudini, la missione Polaris Dawn attraverserà porzioni delle Fascia di Van Allen – le strisce a forma di ciambella di particelle cariche ad alta energia che circondano la Terra – fornendo all’equipaggio l’opportunità di raccogliere dati sugli effetti dell’esposizione alle radiazioni spaziali sulla salute umana, tra gli altri obiettivi di ricerca scientifica della missione.

Più in basso, a circa 500 km sopra la Terra, almeno due dei membri dell’equipaggio di Polaris Dawn tenteranno la prima attività extraveicolare commerciale (EVA), o passeggiata spaziale. Dragon di SpaceX non include una camera di equilibrio, quindi l’intera cabina verrà depressurizzata prima dell’apertura del portellone. Per l’EVA, l’equipaggio indosserà nuove tute spaziali progettate da SpaceX, aggiornate rispetto alle tute a pressione attuali.

Luce guida

Lo sviluppo delle nuove tute spaziali, insieme a un primo test pianificato della rete satellitare Starlink di SpaceX per le comunicazioni basate su laser nello Spazio, hanno lo scopo di fare avanzare le tecnologie necessarie per le future missioni sulla Luna, su Marte e nello Spazio profondo. Come la sua omonima, una costellazione di tre stelle più comunemente conosciuta come “Stella del Nord”, il Polaris Program cerca di essere una luce guida, aiutando l’umanità a navigare verso nuove destinazioni.

La seconda missione Polaris seguirà in base a ciò che l’equipaggio e SpaceX apprenderanno durante la prima missione.

Il terzo lancio sarà il primo volo spaziale umano di Starship di SpaceX, un razzo e una navicella per carichi pesanti che viene sviluppato come il primo sistema di trasporto completamente riutilizzabile al mondo progettato per trasportare sia l’equipaggio che il carico nell’orbita terrestre, sulla Luna, su Marte e altrove, più lontano nel Sistema Solare. La data di tale missione è sconosciuta, ma arriverà dopo che il veicolo sarà stato testato con numerosi voli senza equipaggio.

Come la missione Inspiration4, che attraverso concorsi, aste, vendite e donazioni ha raccolto un totale di 240 milioni di dollari per il St. Jude Children’s Research Hospital, anche il Polaris Program intende raccogliere fondi per i programmi dell’ospedale, per migliorare i tassi di sopravvivenza globale per il cancro infantile.