Guerra in Ucraina, “fottetevi russi”: potrebbero essere ancora vivi i 13 militari che hanno rifiutato di arrendersi sull’Isola dei Serpenti

I soldati ucraini che hanno eroicamente difeso l'Isola dei Serpenti dall'attacco russo potrebbero essere ancora vivi

MeteoWeb

Potrebbero essere ancora vivi i 13 soldati ucraini che hanno eroicamente difeso l’Isola dei Serpenti, nel Mar Nero (45 km dalla Romania), dall’attacco russo: è diventato virale l’audio (in calce) in cui a un ufficiale a bordo di una nave da guerra della marina russa avevano risposto “fottiti” quando gli era stato chiesto di arrendersi.
E’ quanto riporta il Guardian, citando funzionari ucraini.

Inizialmente si credeva che non vi fossero superstiti tra le 13 guardie di frontiera di stanza sull’isola rocciosa di circa 16 ettari di proprietà dell’Ucraina, a circa 300 km a ovest della Crimea.
In una recente dichiarazione, il Servizio di guardia di frontiera dell’Ucraina (Dpsu) ha dichiarato: “Crediamo fermamente che tutti i difensori ucraini dell’isola possano essere vivi. Dopo aver ricevuto informazioni sulla loro possibile ubicazione, il Dpsu insieme alle forze armate ucraine stanno lavorando per identificare i nostri soldati“.

“Fottetevi russi”, le ultime parole dei soldati ucraini dell’Isola dei Serpenti [AUDIO]