Il Meteo in Veneto: rinforzo dei venti da domani, piogge diffuse e fiocchi di neve in montagna

Probabili precipitazioni da sparse a diffuse e qualche fiocco di neve in montagna fino a quote relativamente basse

MeteoWeb

Da venerdì 25 pomeriggio rinforzo dei venti con Bora a tratti forte sulla costa e pianura limitrofa e sulla pianura centro-meridionale fino alle prime ore di sabato, con i fenomeni più intensi su costa centro-meridionale e pianura sud-orientale; venti settentrionali a tratti forti in quota con probabili forti raffiche di Foehn anche in alcuni fondovalle o altopiani e localmente sulla pedemontana, tra la serata di venerdì e il pomeriggio/sera di sabato“: è quanto segnalano gli esperti meteo di Arpa Veneto, il relazione alla situazione attesa da domani.
Per quanto riguarda invece l’evoluzione generale, l’Agenzia regionale riporta: “Da giovedì lieve cedimento della pressione associato all’approfondimento di una saccatura sull’Europa settentrionale che transiterà sulla nostra regione tra venerdì e sabato. Saranno probabili precipitazioni da sparse a diffuse e qualche fiocco di neve in montagna fino a quote relativamente basse, oltre a dei rinforzi di Bora. Da domenica la pressione tenderà nuovamente ad aumentare“.

Oggi cielo in prevalenza poco nuvoloso per nubi alte in transito, dopo il tramonto sarà possibile qualche parziale riduzione della visibilità sulla pianura meridionale. Temperature massime in calo. Venti in quota deboli/moderati da sud ovest in quota; in pianura deboli di direzione variabile.

Domani tempo variabile, fino al mattino con nubi irregolari alternate a maggiori spazi di sereno, qualche probabile nebbia in pianura nelle prime ore; in seguito addensamenti nuvolosi via via più estesi e compatti salvo sui settori dolomitici dove la nuvolosità si attenuerà.
Precipitazioni: Al mattino generalmente assenti. Nel corso del pomeriggio probabilità bassa sulle Dolomiti per qualche fiocco di neve, altrove probabilità nel complesso medio-alta (50-75%) per fenomeni sparsi, a tratti diffusi, dapprima sulle zone prealpine e poi su quelle pianeggianti, specie centro-orientali, con qualche possibile rovescio od occasionale temporale. Il limite della neve sarà intorno ai 1000/1200m.
Temperature: Senza notevoli variazioni in pianura, in calo in montagna salvo variazioni locali nelle valli dovute ad episodi di Foehn.
Venti: In quota, fino a metà giornata deboli/moderati da ovest, poi in rinforzo dai quadranti settentrionali fino a risultare tesi/forti in serata con possibili episodi di Foehn in qualche fondovalle. In pianura fino a metà pomeriggio deboli con direzione variabile, poi in prevalenza nord-orientali da deboli a moderati/tesi dalla sera, anche forti, specie su costa centro-meridionale e pianura limitrofa.
Mare: Fino al pomeriggio da poco mosso a quasi calmo, poi da poco mosso a mosso, anche molto mosso in serata sul settore meridionale.

Sabato 26 fino al primo mattino residua variabilità con annuvolamenti specie verso est, alternati a schiarite; in seguito cielo in prevalenza sereno.
Precipitazioni: Assenti.
Temperature: In pianura valori in calo sui settori occidentali, stazionari altrove. Sulle zone montane ulteriore generale calo termico salvo locali aumenti in qualche fondovalle associati ad episodi di Foehn.
Venti: In pianura Bora in rinforzo fino a risultare tesa sulla costa, moderata/tesa nell’entroterra limitrofo, altrove deboli variabili. In quota venti tesi/forti dai quadranti settentrionali, in attenuazione in serata. Probabili raffiche di Foehn nelle valli.
Mare: Mosso, anche molto mosso sui settori centro-meridionali.

Domenica 27 cielo sereno con aria tersa ed ottima visibilità. Bora moderata/tesa sulla costa; in quota venti moderati/tesi dai quadranti settentrionali. Temperature minime in calo, massime senza notevoli variazioni; valori in lieve rialzo in quota.

Lunedì 28 in prevalenza sereno con aria tersa ed ottima visibilità. In quota venti moderati/tesi dai quadranti settentrionali, in pianura venti a tratti moderati dai quadranti orientali. Temperature minime senza notevoli variazioni, massime in calo in pianura, stazionarie sulle Prealpi, in aumento in quota.