Previsioni Meteo: alta pressione fino a metà febbraio con qualche breve interruzione

Previsioni Meteo: solo brevi interruzioni dell'egemonia anticiclonica, forse verso metà mese qualcuna più duratura, ma ancora molta incertezza. L'evoluzione per i prossimi 10 giorni

MeteoWeb

Non c’è verso di demolire l’anticiclone. Per quanto esso possa subire ricorrenti attacchi, soprattutto a opera di correnti fredde sub-polari o artiche, il suo buon radicamento sull’Europa occidentale e su Est Atlantico, nonché anche il favore di tesi correnti zonali medio-alte sull’Oceano, consentono a esso di proteggere con buona efficacia l’Italia, magari concedendo solo qualche flash instabile, in più di qualche caso anche abbastanza freddo, tuttavia sempre molto veloce e con poca incisività. Una di queste rapide incursioni fredde è attesa a inizio settimana prossimo, tra lunedì 7 e martedì 8, ma, sembrerebbe dagli ultimi aggiornamenti, con scarsi effetti se non una “sferzata” di vento da Nord, calo termico specie per le aree alpine, il Nordest, il medio-basso Adriatico e il Sud e qualche rovescio o temporale veloce sulle medesime regioni.

A seguire, altrettanto rapido ristabilimento delle condizioni atmosferiche con l’arrivo di un possente anticiclone che, sul finire della prima decade, potrebbe imporsi anche in maniera piuttosto strutturata sul Mediterraneo centrale e sull’Italia, portando 2/3 giornate all’insegna di un ampio soleggiamento e con clima  via via più mite di giorno, magari sempre un po’ freddo di notte e al mattino. Qualche altro disturbo all’alta pressione, potrebbe intervenire dal 12/13 Febbraio e verso metà mese. Sulla base delle attuali simulazioni matematiche, per quella fase l’alta pressione potrebbe subire nuovi attacchi a opera di correnti sub-polari marittime, moderatamente freddi in origine, tuttavia non eccessivamente, e comunque da vagliare ancora se in discesa diretta verso l’Italia o in affondo più verso l’Ovest Mediterraneo. Nel primo caso, sull’Italia potrebbe tornare l’instabilità per qualche giorno verso metà mese e magari anche di tipo invernale con locali piogge, rovesci sparsi e locali nevicate collinari; nel caso l’orientamento di queste possibili correnti provenienti dal Nord Atlantico dovesse essere più occidentale, magari sull’Italia arriverebbe comunque una certa instabilità, tuttavia con aria a componente più umida occidentale e, quindi, in un contesto più mite, con neve magari relegata alle quote di montagna. Ribadiamo, però, che il contesto generale continuerebbe a essere dominato dall’alta pressione, in grado di ricucire subito eventuali brecce instabili. La redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare l’evoluzione del tempo fino a metà mese, apportando quotidiani aggiornamenti.