Covid, Matteo Bassetti aggredito verbalmente durante un aperitivo con la moglie: “vattene da Genova”

"Ho subito l’ennesima violenta aggressione verbale da parte di un manipolo di no vax no greenpass, o quello che erano", ha scritto Bassetti

MeteoWeb

Matteo Bassetti, infettivologo dell’ospedale San Martino di Genova, e’ stato aggredito verbalmente da alcuni no vax mentre stava prendendo un aperitivo con la moglie al tavolo di un locale in centro a Genova. “Bassetti vattene da Genova“, gli è stato urlato. L’episodio e’ accaduto venerdi’ sera, come racconta lo stesso Bassetti in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook.

Nemmeno un aperitivo in santa pace! Ieri sera ho subito l’ennesima violenta aggressione verbale da parte di un manipolo di no vax no greenpass, o quello che erano, mentre ero seduto ad un tavolino in via XX Settembre, la principale via di Genova per un aperitivo con mia moglie. Un attacco vile, gratuito, in un contesto della mia vita privata in cui, l’unica mia colpa, era quella di godermi il venerdì sera nel centro cittadino. Questi personaggi con un attacco simile (al grido di “Bassetti vattene da Genova”) per l’ennesima volta dimostrano quanto poco gli importi del vaccino, della salute, del benessere sociale, in quanto il loro scopo e’ soltanto quello di fomentare odio nei miei confronti e di tutti i sanitari e turbare la tranquillità dei cittadini. Ciò che mi rammarica di più è che, nel corso di questi due anni in cui vengo spesso brutalmente attaccato con ogni tipo di insulto, una parte anche della politica cittadina genovese non abbia mai speso una parola di solidarietà. Meditiamo. Personalmente, continuerò a lottare per quei valori di libertà, anche di espressione, che mi hanno sempre animato. Avanti a testa altissima”, ha scritto Bassetti.

Non è la prima volta che Bassetti viene aggredito verbalmente per strada: è già successo in più occasioni. E’ arrivato a ricevere anche fino a 50 telefonate in una notte. Sull’atteggiamento ostile verso l’infettivologo e’ in corso una indagine da parte della Procura di Genova: sono gia’ 36 gli indagati per stalking di gruppo e minacce. A causa di questi episodi la prefettura ha disposto per la sua sicurezza una sorveglianza.