Meteo, la WMO certifica 2 nuovi record: un fulmine lungo 768 km e uno durato oltre 17 secondi

Mega lampi: certificati due nuovi record mondiali in noti hotspot del Nord e del Sud America

MeteoWeb

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) ha certificato due nuovi record mondiali di mega lampi in noti hotspot del Nord e del Sud America.
Con l’ausilio della più recente tecnologia satellitare, il Committee on Weather and Climate Extremes dell’OMM, che custodisce i registri ufficiali degli estremi globali, emisferici e regionali ha certificato:

  • Il singolo lampo più lungo che ha coperto una distanza orizzontale di 768 ± 8 km attraverso parti degli Stati Uniti meridionali il 29 Aprile 2020. Ciò equivale alla distanza tra New York City e Columbus (Ohio) negli Stati Uniti o tra Londra e la città tedesca di Amburgo.
  • La durata massima per un singolo lampo di 17,102 ± 0,002 secondi dal lampo che si è sviluppato ininterrottamente durante un temporale sull’Uruguay e sull’Argentina settentrionale il 18 Giugno 2020.

Il nuovo record per la distanza di un mega-lampo più lunga rilevata è di 60 km maggiore rispetto al record precedente, con una distanza di 709 ± 8 km (440,6 ± 5 mi) attraverso parti del Brasile meridionale il 31 Ottobre 2018. Sia il record precedente che quello recente si sono avvalsi della stessa metodologia per misurare l’estensione del lampo.

Il mega-lampo di durata più lunga ha avuto una durata precedente di 16,73 secondi, derivata da un lampo che si è sviluppato ininterrottamente nell’Argentina settentrionale il 4 Marzo 2019, 0,37 secondi in meno rispetto al nuovo record.

I risultati sono stati pubblicati nel Bulletin of the American Meteorological Society.

Questi sono record straordinari di singoli eventi di fulmini. Gli estremi ambientali sono misurazioni viventi del potere della natura, così come il progresso scientifico nell’essere in grado di effettuare tali valutazioni. È probabile che esistano ancora estremi ancora più grandi e che saremo in grado di osservarli man mano che la tecnologia di rilevamento dei fulmini migliora,” ha affermato il prof. Randall Cerveny, relatore di Weather and Climate Extremes per la WMO.

I fulmini sono un grave pericolo che miete molte vite ogni anno. I risultati evidenziano importanti problemi di sicurezza pubblica dei fulmini pubblici per le nuvole elettrificate dove i lampi possono viaggiare a distanze estremamente grandi,” ha affermato il segretario generale dell’OMM, il prof. Petteri Taalas.

I nuovi record si sono verificati in hotspot per i temporali del sistema convettivo a mesoscala (MCS), le cui dinamiche consentono il verificarsi di straordinari mega-lampi, cioè le Grandi Pianure in Nord America e il bacino di La Plata in Sud America.

Il noto specialista in fulmini e membro del comitato Ron Holle ha osservato che “questi eventi di fulmini estremamente grandi e di lunga durata non sono stati isolati ma si sono verificati durante temporali attivi. Ogni volta che si sente un tuono è tempo di raggiungere un luogo sicuro“.

Il fulmine è un fenomeno naturale sorprendentemente sfuggente e complesso per l’impatto che ha sulla nostra vita quotidiana. Ora siamo a un punto in cui abbiamo misurazioni eccellenti delle sue molteplici sfaccettature, che ci consentono di scoprire nuovi sorprendenti aspetti del suo comportamento. Ora che abbiamo una solida documentazione di questi lampi giganteschi, possiamo iniziare a comprendere come si verificano e a valutare l’impatto sproporzionato che hanno. C’è ancora molto che non sappiamo su questi mostri, ma come scienziato all’inizio della carriera, è un privilegio essere tra i miei colleghi in prima linea in questa nuova ed entusiasmante area di ricerca e spingere i confini della nostra comprensione di ciò di cui sono capaci i fulmini,” ha affermato l’autore principale e membro del comitato di valutazione Michael J. Peterson, dello Space and Remote Sensing Group (ISR-2) del Los Alamos National Laboratory, USA.