“Cerco di trovare la bellezza in ogni cosa”: tutto su Mr. Blobby, l’orrendo pesce del mare profondo che ha fatto impazzire il web

"Mr. Blobby" è un pesce blob che si trova nelle acque profonde chilometri al largo della costa nord-occidentale della Nuova Zelanda, diventato il pesce più famoso al mondo per via del suo aspetto buffo

MeteoWeb

Ha la carne rosa pallido con una lucentezza melata. Il suo naso flaccido a proboscide cade sulle labbra grasse all’ingiù e i suoi occhi neri sono decisamente malinconici. Con un artropode parassita biancastro che penzola dall’angolo della bocca come una sigaretta impregnata d’acqua, sembra un pagliaccio sconsolato nella pausa fumo più triste del mondo.

È la descrizione di un pesce blob che si trova nelle acque profonde chilometri al largo della costa nord-occidentale della Nuova Zelanda ed è forse l’esemplare di pesce più famoso al mondo.

La Dott.ssa Kerryn Parkinson, assistente di ricerca in ittiologia, ha scattato il famigerato ritratto del pesce blob nel 2003 a bordo della crociera NORFANZ, una spedizione di ricerca che ha esplorato habitat di acque profonde tra l’Australia e la Nuova Zelanda per scoprire di più su ciò che si nasconde in quei mari al di là della portata della luce solare. La spedizione ha prodotto ogni sorta di animali affascinanti, comprese più di 100 specie nuove per la scienza. Ma l’esemplare soprannominato “Mr. Blobby” è diventato la star virale della spedizione.

L’immagine di Kerryn è stata riproposta da Internet in migliaia di modi creativi e spesso anche “crudeli”. È stato votato come l’animale più brutto del mondo nel 2013 ed è diventato il poster della Ugly Animal Preservation Society del Regno Unito. È stato stampato su custodie per telefoni, magliette e borse.

Il pesce blob “proviene da una famiglia di pesci che sono conosciuti comunemente come blobfish o fathead sculpins. Era immediatamente riconoscibile come un tipo di sculpin. Questi ragazzi hanno un corpo a forma di girino. La loro pelle è quella che chiameremmo “nuda”; non ci sono squame e pochissime sporgenze spinose. L’area intorno all’Australia e alla Nuova Zelanda offre le condizioni perfette per questa famiglia“, spiega Kerryn.

Mr. Blobby sembra completamente diverso dall’ammasso di muco immortalato nella foto di Kerryn del 2003. Con i processi di conservazione, la sua carne rosata è tornata alla sua forma originale di girino ed è diventata grigio pallido con grinze così sottili da sembrare peli neri. Kerryn spiega che il pesce sembrava così buffo quando è stato catturato per la prima volta a causa del brusco cambiamento di pressione dalle profondità del mare al livello della superficie. Con un chilometro di acqua oceanica che preme il pesce blob a una pressione 100 volte superiore a quella che sperimentiamo in superficie, non c’è bisogno di uno scheletro duro per tenere insieme il suo corpo: la pura forza dell’acqua tiene il corpo del pesce blob in quella perfetta forma a girino mentre ondeggia sul fondo del mare.

Credit: Dean Sewell

Ma al livello del mare, Mr. Blobby si è sciolto sul tavolo a bordo della crociera NORFANZ, la carne della sua fronte è scivolata in un “naso” e gli angoli della sua bocca si sono abbassati per formare quell’iconico broncio. “Pensavamo solo che fosse divertente. Bisogna ricordare che abbiamo lavorato 12-14 ore al giorno, tutti i giorni, per diverse settimane. Quindi alcune cose inaspettate sembrano incredibilmente divertenti in quelle circostanze. Sembrava così buffo, carismatico e scontroso. Ora è immortalato in quella posizione. Normalmente non prenderemmo mai un’immagine scientifica del genere”, ricorda Kerryn.

Diciannove anni dopo, il conservato Mr. Blobby riflette molto di più l’aspetto reale dei pesci blob nel loro habitat naturale. E grazie ai filmati catturati dai sommergibili, stiamo imparando di più sul loro comportamento e sulla loro biologia. “Sappiamo che producono uova e pensiamo che proteggano i loro nidi. Ora sappiamo che sono un predatore da imboscate“, afferma Kerryn.

Ma come con qualsiasi abitante degli abissi, abbiamo molte più domande che risposte sul pesce blob. “Vorrei sapere se era un maschio o una femmina”, dice Kerryn di Mr. (o forse Mrs.) Blobby. “E mi piacerebbe sapere quanti anni ha. Questo ragazzo potrebbe avere 50 anni; semplicemente non lo sappiamo”.

Entrambe le domande richiederebbero una dissezione per trovare una risposta ma nessuno ha intenzione di dividere a metà l’esemplare di pesce più famoso del web. Kerryn afferma di aver identificato Mr. Blobby come un Psychrolutes microporos, una specie endemica della Nuova Zelanda catturata per la prima volta nel 1914 durante la spedizione di ricerca Endeavour. Ma c’è la possibilità che possa essere una specie completamente diversa e nuova.

La carenza di dati rende difficile anche stabilire lo stato di conservazione del pesce blob. Le persone spesso presumono che siano in pericolo ma la verità è che non lo sappiamo. Quello che sappiamo della maggior parte delle creature delle profondità marine è che sono incredibilmente specializzate in uno degli habitat più estremi – freddo e nero come la pece – del pianeta, quindi l’impatto del cambiamento climatico è una delle principali preoccupazioni. “Non possiamo dire se sono rari o in via di estinzione. Per gestire qualcosa, devi conoscerli. So che gli australiani amano la costa e che viviamo tutti a una distanza relativamente breve da essa, ma il numero di specie che vediamo è limitato a quell’area abbastanza piccola. Andare davvero in profondità e molto lontano non è una priorità”, afferma Kerryn.

Il problema mette in evidenza quanto siano preziose e rare le spedizioni di ricerca biologica in acque profonde come la crociera NORFANZ. Insieme a decine di nuove specie, il viaggio ha prodotto esemplari affascinanti come l’anguilla gulper (l’intera creatura è essenzialmente una bocca gigante e famelica sospinta da una coda sottile), coffinfish (un pesce blob più arrabbiato e venato), insieme a diavoli di mare neri, ragni marini giganti, nautilus e il dente fossilizzato di uno squalo megalodonte. Con ogni creatura catturata, fotografata e preservata, ci avviciniamo sempre di più a una migliore comprensione della biodiversità delle profondità marine.

È stata una spedizione unica. Se avessimo tutto il tempo e i soldi del mondo, faremmo una crociera in NORFANZ ogni anno. Ma è così faticoso andare laggiù e trovare queste informazioni. È l’equivalente di andare su Marte. Ma ci arriveremo man mano che la tecnologia migliorerà”, afferma Kerryn.

Per ora, Mr. Blobby è l’emblema del mistero allettante delle profondità marine, del lavoro cruciale dei musei e dell’importanza della conservazione per tutte le creature. È stato esposto all’Australian Museum per la gioia (e allo stesso tempo l’orrore) dei bambini delle scuole. Il museo aveva persino una replica in gomma di Mr. Blobby creata in modo che i piccoli potessero toccarlo.

L’Australian Museum ha persino fatto creare una replica in gomma di Mr. Blobby in modo che gli studenti delle scuole avessero qualcosa da toccare. Credit: Dean Sewell

Kerryn spera che Mr. Blobby possa servire come un esemplare chiave per i ricercatori di ittiologia delle acque profonde in futuro, insieme agli altri 500.000 esemplari conservati nella collezione di pesci del museo, la più grande dell’emisfero australe.

Kerryn, infine, ammette di non essere d’accordo sul fatto che sia l’animale più brutto del mondo. “Anche se non sembra carino come un fairy wrasse, bisogna apprezzare quanto sia fantastico questo essere. Può vivere in profondità, ora sappiamo che fa protegge i nidi… è semplicemente incredibile che possa adattarsi a un ambiente come il mare profondo. Affascinante è la parola giusta. Cerco di trovare la bellezza in tutto ciò che è naturale. Ma sono sicura che ci sono dei gatti senza pelo piuttosto brutti là fuori. Mettiamola così”, afferma Kerryn.