I pipistrelli impollinano come le api e questa pianta tropicale non può riprodursi senza di loro

I ricercatori hanno scoperto che la pianta di D. biflora non può riprodursi senza l’aiuto dei pipistrelli dei fiori delle Fiji: i pipistrelli hanno imparato ad aprire i fiori per accedere al nettare

MeteoWeb

È nota l’importanza dell’impollinazione delle api, che supporta circa un terzo della produzione alimentare mondiale. Ma alcune piante, come il bellissimo Dillenia biflora, albero delle Fiji, non possono vivere senza un tipo di impollinatore molto diverso: il pipistrello Syconycteris australis.

È noto che i pipistrelli impollinano una varietà di specie vegetali. Ad esempio, il pipistrello Anoura fistulata dell’Ecuador ha una lingua straordinariamente lunga, che lo aiuta ad accedere al nettare all’interno dei fiori della pianta Centropogon nigricans. Questi fiori hanno petali che crescono a forma di tromba e si estendono per circa 9cm, troppo lunghi perché la maggior parte delle creature possa accedere al nettare all’interno. Ma con una lingua lunga 8,5 cm – circa il 150% della sua lunghezza totale del corpo – e un muso snello e allungato, questo pipistrello non ha problemi a nutrirsi da questi fiori. In effetti, questo pipistrello ha la lingua più lunga, rispetto alle dimensioni del corpo, conosciuta dalla scienza. La sua lingua è così lunga che deve riporla all’interno della sua gabbia toracica.

Il pipistrello dei fiori delle Fiji (Notopteris macdonaldi) potrebbe non avere la lingua più lunga del mondo, ma per riempirsi di nettare dalla pianta D. biflora, non ne ha bisogno. Le antere ricoperte di polline dei fiori di D. biflora – detti fiori di kuluva – sono ricoperte da un’elegante cupola di petali. Per molti anni, gli scienziati hanno ipotizzato che ciò impedisse a qualsiasi cosa più grande di un’ape di accedere al polline. Ma una scoperta, realizzata per la prima volta al mondo e annunciata dagli scienziati dell’Università del South Australia, descrive come i fiori di kuluva vengano effettivamente impollinati dai pipistrelli delle Fiji. È stato scoperto che queste piccole creature intelligenti hanno imparato a masticare la cupola dei petali per “sollevare efficacemente il coperchio” dai fiori di kuluva e accedere al materiale all’interno.

I ricercatori, inoltre, hanno scoperto che la pianta di D. biflora non può riprodursi senza l’aiuto dei pipistrelli. “Abbiamo scoperto che i fiori di kuluva non si aprivano mai da soli, e invece venivano strappati dai pipistrelli dei fiori che cercavano il nettare ricco di zucchero all’interno“, afferma la biologa Sophie ‘Topa’ Petit dell’Università del South Australia, prima autrice del documento che descrive la scoperta.

Il pipistrello atterra su un vortice di foglie, rimuove la corolla e lecca il nettare, coprendosi il naso con il polline. Il polline del pipistrello viene quindi trasportato ad altri fiori della stessa specie, che vengono impollinati e producono frutti contenenti semi. I fiori di kuluva hanno solo una possibilità di essere impollinati. Ognuno è maturo e ricettivo solo per una notte. Ma poiché i petali dei fiori di kuluva sono permanentemente chiusi, se la loro corolla non viene rimossa, il fiore morirà senza riprodursi”, afferma Petit. La biologa e i suoi colleghi hanno chiamato questo nuovo sistema di impollinazione chiropteropisteusi, dal greco “dipendenza dai pipistrelli”.