Scoperte sfere di vetro sul lato nascosto della Luna: ecco di cosa potrebbe trattarsi

Luccicanti come perle, le sfere di vetro sono le prime del loro genere ad essere osservate sulla superficie della Luna

MeteoWeb

Il rover cinese Yutu-2 ha individuato due strane sfere di vetro sul lato opposto della Luna.
Luccicanti come perle traslucide contro lo sfondo arido e polveroso della Luna, le sfere sono le prime del loro genere ad essere osservate sulla superficie lunare e si sono formate abbastanza di recente, affermano i ricercatori.
Il vetro è già stato avvistato sulla Luna, sia dal rover Yutu-2 che dalla missione Apollo 16 della NASA: si forma quando i minerali ricchi di silicio, come il pirosseno e il feldspato, vengono rapidamente surriscaldati.
Tuttavia, questa è la prima volta che vengono trovate sfere di vetro sulla Luna. Gli scienziati non conoscono l’origine esatta di queste forme, ma pensano che questi globuli possano essere stati creati durante un’eruzione esplosiva nella storia vulcanica della Luna o dopo un impatto ad alta velocità con un meteorite. I ricercatori pubblicheranno i loro risultati il ​​26 febbraio su Science Bulletin.

I globuli semplicemente ci lasciano a bocca aperta, dal momento che sono così unici sulla Luna,” ha affermato l’autore principale Zhiyong Xiao, geologo planetario della Sun Yat-sen University in Cina. “Siamo stati un po’ sfortunati perché quando abbiamo trovato questo vetro per la prima volta, il rover ci era appena passato accanto e non sono stati ottenuti dati sulla composizione, ma tali globuli potrebbero essere piuttosto comuni sul lato opposto della Luna“.

Le sfere di vetro, note anche come microtectiti, sono state trovate sulla Terra intorno ai siti degli impatti dei meteoriti. Dopo essere stati colpiti da quest’ultimo, pezzi di crosta planetaria vengono lanciati in aria e i minerali di silicato fuso in essa contenuti si combinano per formare minuscole perle di vetro che vengono cosparse come briciole sul paesaggio circostante, spiega Live Science.

Le microtectiti scoperte di recente, che misurano da 15 a 25 mm di diametro, sono più grandi di quelle che si trovano sulla Terra. Tuttavia, sono più piccole dei pezzi di vetro che gli astronauti dell’Apollo 16 hanno trovato vicino a un cratere da impatto sul lato visibile della Luna, il più grande dei quali misurava 40 mm di diametro.

Le microtectiti scoperte da Yutu-2 sono state trovate vicino ai crateri da impatto, portando i ricercatori a ritenere che le minuscole sfere si siano formate a partire da una roccia ignea ricca di feldspato, chiamata anortosite, che si è sciolta e riformata subito dopo una collisione di meteoriti.

La prima scoperta di globuli di vetro traslucido di dimensioni macro sulla Luna conferma che le anortosite lunari sono materie prime eccellenti per produrre vetro con una buona qualità di assorbimento della luce,” ha affermato Xiao. “La loro esistenza sulla Luna indica che anche gli eventi di impatto sugli altri corpi planetari potrebbero formare vetro da impatto simile a tectite“.

Raccogliere queste sfere e studiarne la composizione e l’età potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere la storia degli impatti sulla Luna, oltre a fornire informazioni utili sui potenziali materiali da costruzione sulla superficie lunare.
All’alba della costruzione di basi umane sulla Luna, le anortosite lunari sono una risorsa promettente e diffusa,” ha detto Xiao.

Il rover Yutu-2, il cui nome significa “coniglio di giada” in mandarino, è stato lanciato dal lander lunare cinese Chang’e 4 nel gennaio 2019 dopo aver completato con successo il primo atterraggio morbido in assoluto sul lato opposto della Luna.