Scoperto nuovo pianeta, orbita intorno alla stella più vicina al Sole ed è uno dei più “leggeri” mai osservati

Il pianeta appena scoperto, Proxima d, orbita attorno a Proxima Centauri a una distanza di circa 4 milioni di chilometri

MeteoWeb

Un team di astronomi che utilizza il Very Large Telescope (VLT dell’ESO) dell’European Southern Observatory in Cile ha trovato prove di un altro pianeta in orbita attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro Sistema Solare. Questo candidato pianeta è il terzo rilevato nel sistema e il più “leggero” mai scoperto in orbita attorno a questa stella: con solo un quarto della massa terrestre, il pianeta è anche uno degli esopianeti più leggeri mai trovati.

La scoperta mostra che il nostro vicino stellare sembra essere pieno di nuovi mondi interessanti, alla portata di ulteriori studi ed esplorazioni future,” ha affermato João Faria, ricercatore presso l’Instituto de Astrofísica e Ciências do Espaço, in Portogallo, e autore principale del studio pubblicato oggi su Astronomy & Astrophysics. Proxima Centauri è la stella più vicina al Sole, situata a poco più di quattro anni luce di distanza.

Proxima Centauri
Credit: ESO/IAU and Sky & Telescope

Il pianeta appena scoperto, chiamato Proxima d, orbita attorno a Proxima Centauri a una distanza di circa 4 milioni di chilometri, a meno di un decimo della distanza di Mercurio dal Sole. Orbita tra la stella e la zona abitabile – l’area attorno a una stella dove può esistere acqua liquida sulla superficie di un pianeta – e impiega solo 5 giorni per completare un’orbita attorno a Proxima Centauri.

La stella è già nota per ospitare altri due pianeti: Proxima b, un pianeta con una massa paragonabile a quella della Terra che orbita attorno alla stella ogni 11 giorni ed è all’interno della zona abitabile, e il candidato Proxima c, che si trova su un’orbita più lunga, di cinque anni, attorno alla stella.

Alpha Centauri and Proxima Centauri
Credit: Digitized Sky Survey 2
Acknowledgement: Davide De Martin/Mahdi Zamani

Proxima b è stato scoperto alcuni anni fa utilizzando lo strumento HARPS sul telescopio da 3,6 metri dell’ESO. La scoperta è stata confermata nel 2020 quando gli scienziati hanno osservato il sistema Proxima con un nuovo strumento sul VLT dell’ESO che aveva una maggiore precisione, l’Echelle SPectrograph for Rocky Exoplanets and Stable Spectroscopic Observations (ESPRESSO). È stato durante queste più recenti osservazioni del VLT che gli astronomi hanno individuato i primi accenni di un segnale corrispondente a un oggetto con un’orbita di 5 giorni. Poiché il segnale era debole, il team ha dovuto condurre osservazioni di follow-up con ESPRESSO per confermare che fosse dovuto a un pianeta e non semplicemente al risultato di cambiamenti nella stella stessa.

Dopo avere ottenuto nuove osservazioni, siamo stati in grado di confermare questo segnale come un nuovo candidato pianeta,” ha affermato Faria. “Ero emozionato dalla sfida di rilevare un segnale così ridotto e, così facendo, di scoprire un esopianeta così vicino alla Terra“.

Con appena un quarto della massa della Terra, Proxima d è l’esopianeta più leggero mai misurato utilizzando la tecnica della velocità radiale, superando un pianeta scoperto di recente nel sistema planetario L 98-59.
La tecnica consiste nella rilevazione di minuscole oscillazioni nel movimento di una stella creata dall’attrazione gravitazionale di un pianeta in orbita. L’effetto della gravità di Proxima d è così ridotto che fa muovere Proxima Centauri solo avanti e indietro a circa 40 km/s (1,44 km/h).

Questo risultato è estremamente importante,” ha dichiarato Pedro Figueira, scienziato dello strumento ESPRESSO presso l’ESO in Cile. “Mostra che la tecnica della velocità radiale ha il potenziale per svelare una popolazione di pianeti leggeri, come il nostro, che dovrebbero essere i più abbondanti nella nostra galassia e che possono potenzialmente ospitare la vita come la conosciamo“.

Questo risultato mostra chiaramente di cosa è capace ESPRESSO e mi fa interrogare su cosa sarà in grado di trovare in futuro,” ha aggiunto Faria.

La ricerca di ESPRESSO di altri mondi sarà completata dall’Extremely Large Telescope (ELT) dell’ESO, attualmente in costruzione nel deserto di Atacama, che sarà fondamentale per scoprire e studiare molti più pianeti attorno alle stelle vicine.