Come abbassare il colesterolo cattivo con un antibiotico naturale: è un frutto antinfiammatorio che protegge anche dai tumori

Alla scoperta di un frutto che vanta numerosi benefici per la nostra salute: è un antibiotico e antinfiammatorio naturale, abbassa il colesterolo cattivo e protegge persino dai tumori

MeteoWeb

Dalle spiccate proprietà antinfiammatorie, un frutto è anche fonte di fitonutrienti dalle attività antiossidanti e antibiotiche. Si tratta di un agrume che protegge dai tumori e sembra poter anche aiutare a ridurre i livelli di colesterolocattivo“.
Il lime è un frutto ricco di numerosi benefici: scopriamoli in dettaglio.

Che cos’è il lime

Il lime (Citrus aurantifolia), detto anche limetta o limone Bergamotto, è un agrume di origine asiatica, molto diffuso nei paesi a clima tropicale. Appartenente alla famiglia delle Rutacee, dalle dimensioni più piccole del limone, con una scorza verde e sottile, un succo aromatico, meno aspro del limone, ed un profumo intenso, esso è costituito per l’88% da acqua.

Quali sono le proprietà del lime

Mineralizzante, vitaminico, antinfiammatorio, il lime esercita un’azione antitumorale, previene patologie cardiovascolari e ictus, cura le infezioni urinarie, contrasta i calcoli renali.
Il lime abbassa i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, previene la degenerazione maculare e le infezioni oculari. E’ un toccasana nei casi di affaticamento e debolezza, donando una piacevole sferzata di energia. Migliora anche le capacità cognitive e mnemoniche.

Lime, benefici e controindicazioni: il parere degli esperti

Secondo gli esperti dell’Humanitas Research Hospital, ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario,

il lime è una fonte di fitonutrienti dalle attività antiossidanti e antibiotiche. I suoi limonoidi sono stati associati alla possibilità di combattere i tumori del cavo orale, della pelle, dei polmoni, del seno, dello stomaco e del colon. In particolare, la limonina – presente negli agrumi in quantità paragonabili a quelle della vitamina C – è legata a una molecola di glucosio e può essere facilmente digerita dall’organismo, dove sembra poter anche aiutare a ridurre i livelli di colesterolo LDL, quello considerato “cattivo”. Sembra inoltre che il lime possa proteggere dalla poliartrite infiammatoria.
Applicato direttamente sulla pelle, l’olio di lime può aumentare molto la sensibilità al sole. Non bisogna inoltre dimenticare che i lime contengono ossalati, molecole che possono promuovere la formazione di calcoli“.
Il lime potrebbe interferire con i farmaci metabolizzati dal citocromo P450 3A4 (CYP3A4) e con quelli che aumentano al sensibilità della pelle alla luce“.

 

Inoltre, gli esperti Humanitas ricordano che

un lime di dimensioni medie apporta circa 20 calorie e:

  • 7,06 g di carboidrati
  • 0,47 g di proteine
  • 0,13 g di lipidi, di cui: 0,015 g di grassi saturi, 0,037 g di grassi polinsaturi e 0,013 g di grassi monoinsaturi
  • 1,9 g di fibre
  • vitamina C (circa il 32% del fabbisogno in una dieta da 2.000 calorie)
  • vitamina A (circa l’1% del fabbisogno in una dieta da 2.000 calorie)
  • calcio (circa il 2% del fabbisogno in una dieta da 2.000 calorie)
  • ferro (circa il 2% del fabbisogno in una dieta da 2.000 calorie)

Il lime è inoltre una fonte di:

  • vitamine del gruppo B
  • vitamina E
  • potassio
  • fosforo
  • magnesio
  • acido citrico
  • limonoidi

Come scegliere e utilizzare il lime

Al momento dell’acquisto assicuratevi che il lime sia sodo, profumato, con la buccia verde brillante.
Come utilizzarlo? E’ ideale per marinare carni bianche, aromatizzare frutti di mare, per la preparazione di dolci e macedonie. Per ricavarne il succo, è consigliabile tagliarlo in senso longitudinale in 4 fette, eliminando la parte centrale, più asciutta.


Si tenga presente che le informazioni presenti in questa pagina sono di natura generale e a scopo divulgativo e non sostituiscono in nessun caso il parere del medico, il primo punto di riferimento a cui ricorrere per avere informazioni, chiarimenti, e a cui affidarsi per consigli o esami.