Scatta l’allerta arancione per rischio incendi boschivi in Lombardia

L'allerta arancione per rischio incendi riguarda la zona pedemontana includendo l'Alto Serio, la Valcamonica e la zona del Garda oltre all'Oltrepo' Pavese

MeteoWeb

La sala operativa della Protezione Civile regionale della Lombardia ha emesso un avviso di allerta arancione per rischio incendi boschivi. Come sottolinea l’assessore regionale al Territorio Pietro Foroni, “le condizioni climatiche e il perdurare dell’assenza di precipitazioni potrebbero agevolare lo sviluppo di nuovi inneschi su gran parte delle nostre aree boschive”. L’allerta arancione riguarda la zona pedemontana includendo l’Alto Serio, la Valcamonica e la zona del Garda oltre all’Oltrepo’ Pavese.

Attualmente la situazione è sotto controllo. “Nelle scorse ore sono stati registrati incendi di dimensioni contenute- segnala Foroni- tuttora spenti o in bonifica grazie alla tempestività d’azione e perfetta sintonia del nostro sistema di AIB regionale con le squadre dei Vigili del Fuoco e del Corpo Carabinieri Forestale”. Le aree interessate nelle ultime 24 ore sono situate nei comuni di Villa di Serio, Valgoglio, Vertova e Vedeseta, in provincia di Bergamo; a Morazzone, in provincia di Varese; a Lurate Caccivio, in provincia di Como e sul monte Maddalena, in provincia di Brescia.

L’assessore invita la popolazione ad adottare comportamenti corretti e a segnalare alle autorità competenti ogni principio di incendio (112 o sala operativa di Protezione civile regionale al numero 800.061.160). Nel periodo che va dal 7 marzo ad oggi sono stati 47 in totale gli incendi boschivi conclamati (di cui solo 13 caratterizzati da superficie percorsa da fuoco maggiore di 1 ettaro).