Caro carburanti, arriva il maxi sconto in una regione: “il pieno costerà meno che in Slovenia”

Il Friuli Venezia Giulia ha deciso di tagliare ulteriormente i prezzi dei carburanti rispetto alle misure decise dal governo: la riduzione sfiorerà i 60 centesimi in alcune zone

MeteoWeb

Le misure decise dal governo hanno consentito di abbassare i prezzi dei carburanti rispetto ai maxi rincari delle ultime settimane. Ma gli effetti sono durati poco, tanto che ora i prezzi sono di nuovo in aumento, superando 1,80 euro alla pompa di benzina. Ma c’è una regione che, proprio in virtù dell’enorme peso che questi rincari hanno sulla cittadinanza, ha deciso di fare di più rispetto a quanto stabilito dal governo. Si tratta del Friuli Venezia Giulia dove, grazie ad una delibera approvata dalla Giunta regionale, i prezzi dei carburanti subiranno un deciso calo a partire dall’1 aprile.

“Maxi sconto sui carburanti in Friuli Venezia Giulia. Grazie a Regione FVG, ad aprile fare il pieno costerà meno che in Slovenia. Una misura tempestiva, fortemente voluta per contrastare il rincaro dei prezzi e sostenere in modo concreto i cittadini“, ha scritto nei giorni scorsi sui suoi profili social il Presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, riferendosi alla delibera.

L’obiettivo del provvedimento – spiega una nota della Regione – è aumentare lo sconto regionale sul prezzo del carburante alla pompa a partire dall’1 aprile. La decisione consente di sommare al taglio già definito a livello nazionale pari a 30,5 centesimi (25 centesimi in meno di accise e 5,5 centesimi in meno di Iva sulle accise stesse) anche quello approvato dalla Giunta regionale, portando la riduzione del prezzo a sfiorare, in alcune zone, i 60 centesimi al litro per la benzina e i 50 centesimi per il gasolio. Questo vuol dire che un litro di benzina potrebbe costare intorno agli 1,5 o 1,6 euro e un litro di diesel una cifra intorno agli 1,6 euro.

Nello specifico per la zona 1 (Comuni svantaggiati o a contributo maggiorato) il provvedimento della Giunta ha stabilito che ai 21 centesimi di sconto sulla benzina e ai 14 sul diesel già previsti fino al 31 marzo si aggiunga a partire dall’1 aprile un ulteriore abbattimento del prezzo pari a 8 centesimi sulla benzina e 6 sul diesel. Lo sconto regionale quindi raggiungerà quota 29 centesimi per la benzina e 20 per il gasolio. Inoltre, per la zona 2 (Comuni a contributo base), la Giunta ha stabilito che ai 14 centesimi di sconto già in vigore per la benzina dall’1 aprile si aggiunga un abbattimento di prezzo di altri 8 centesimi, raggiungendo così un valore complessivo della riduzione pari a 22 centesimi. Per il gasolio, invece lo sconto passerà da 9 a 16 centesimi grazie all’ulteriore contributo di 8 centesimi stabilito dall’esecutivo.

“Una misura tempestiva – ribadisce Fedriga – che permette di dare una risposta immediata ai cittadini della nostra regione, a seguito dell’impennata dei prezzi del carburante in un periodo di crisi economica che ha determinato una notevole contrazione del potere d’acquisto delle famiglie del Friuli Venezia Giulia, alle quali l’Amministrazione ha sempre inteso portare sostegno con agevolazioni nei più diversi settori”.

Il taglio delle accise regionali partirà dall’1 aprile, ma al momento non è ancora stato deciso per quanto tempo sarà applicato. Fedriga ha spiegato che la decisione verrà presa mese per mese, considerando anche la variazione dei prezzi.