Covid, Speranza e l’elogio del Green pass: “scaricato 262 milioni di volte, straordinario strumento per incentivare vaccinazioni”

Per il ministro Speranza il Green pass è stato ed è uno strumento indispensabile. Inoltre, "ogni vaccino in più somministrato è uno scudo che ci consentirà di rendere il nostro Paese più forte"

MeteoWeb

Il green pass, secondo il ministro Roberto Speranza, ha rappresentato un pezzo essenziale del contrasto al covid, a fino a stamattina è stato scaricato 262 milioni di volte. Il 91% degli italiani sopra i 12 anni ha avuto la prima dose di vaccino. Sono numeri tra i più alti del mondo. Siamo a 38 milioni di dosi, ha riferito con orgoglio il ministro della Salute, al question time alla Camera.

Grazie agli strumenti che noi abbiamo messo in campo, compreso l’utilizzo del Green pass, che è stato uno straordinario incentivante rispetto alle vaccinazioni, siamo riusciti ad attraversare la stagione dell’autunno/inverno senza chiusure generalizzate. Questa è la verità, fuori da ogni propaganda. Altri Paesi con meno vaccinati di noi sono stati costretti a misure più dure”, ha precisato Spreanza.

Voglio anche ricordare – ha aggiunto – che a questa mattina siamo a 38.266.573 dosi di vaccino somministrate. Se siamo in una fase nuova è prima di tutto grazie alla campagna di vaccinazione e su questo dobbiamo continuare ad insistere. Milioni di persone devono fare la terza dose, alcune persone devono fare la prima dose. Ogni vaccino in più somministrato è uno scudo che ci consentirà di rendere il nostro Paese più forte”.

Domani ci sarà un Consiglio dei ministri che definirà un cronoprogramma puntuale di accompagnamento dell’uscita dallo stato di emergenza, che non verrà rinnovato, e noi offriremo un percorso come sempre basato sull’evidenza scientifica e sul quadro epidemiologico – aggiunge Speranza – e siamo in una fase nuova è prima di tutto grazie alla campagna di vaccinazione- ha proseguito Speranza- e su questo dobbiamo continuare ad insistere. Milioni di persone devono ancora fare la terza dose e alcune persone devono fare ancora la prima. Ogni vaccino in più somministrato è uno scudo che ci consentirà di rendere il nostro Paese più forte”.