L’embargo del gas e del petrolio russi “potrebbe causare povertà di massa in Germania”

"Se premiamo immediatamente un interruttore, ci saranno carenze di forniture, persino interruzioni delle forniture in Germania", ha detto il Ministro dell'economia e dell'energia Robert Habeck

MeteoWeb

La Germania ha avvertito che un embargo immediato delle forniture russe di gas e petrolio potrebbe danneggiare la sua stessa popolazione più di Vladimir Putin, portando povertà e disoccupazione di massa.

Se premiamo immediatamente un interruttore, ci saranno carenze di forniture, persino interruzioni delle forniture in Germania”, ha detto il Ministro dell’economia e dell’energia Robert Habeck, mentre la più grande economia europea cerca intensamente di diversificare le sue forniture energetiche a medio termine. Il politico del partito dei Verdi ha previsto “disoccupazione di massa, povertà, persone che non possono riscaldare le loro case, persone che restano senza benzina” se il suo Paese avesse smesso di usare petrolio e gas russi.

Poche altre economie occidentali dipendono dall’energia russa quanto la Germania: il 55% del gas naturale, il 52% del carbone e il 34% dell’olio minerale utilizzato nel Paese proviene dalla Russia, per i quali paga centinaia di milioni di euro al giorno, sostenendo finanziariamente la macchina da guerra che sta attualmente devastando l’Ucraina.

Habeck ha affermato che il suo governo sta lavorando duramente per garantire che la Germania sia in grado di rinunciare al carbone russo entro l’estate e di eliminare gradualmente il petrolio russo entro la fine dell’anno, ma che un divieto a breve termine sul gas russo potrebbe lasciare il suo Paese scoperto. “Con carbone, petrolio e persino gas, passo dopo passo siamo sulla strada per renderci indipendenti. Ma non possiamo farlo in un istante. È amaro, e moralmente non è una bella cosa da confessare, ma non possiamo ancora farlo”, ha affermato Habeck.

Gli Stati Uniti, che hanno importato circa l’8% del loro fabbisogno di petrolio greggio dalla Russia nel 2021, hanno annunciato il divieto del petrolio russo con effetto immediato la scorsa settimana, mentre il Regno Unito ha annunciato che avrebbe gradualmente eliminato le importazioni di petrolio russo entro la fine dell’anno.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha ribaltato una serie di linee rosse di politica estera, acconsentendo a consegnare armi letali all’Ucraina, sostenendo il taglio della Russia dal sistema di pagamento Swift e congelando il gasdotto Nord Stream 2, completato ma non ancora funzionante sotto il Mar Baltico. Ma la scorsa settimana Scholz ha affermato: “attualmente non c’è altro modo per garantire l’approvvigionamento dell’Europa con energia per generare calore, mobilità, alimentazione e industria”.

A seconda delle previsioni di vari think tank e istituti economici, uno stop immediato alle consegne di gas russo potrebbe ridurre il PIL tedesco di appena 0,1 o fino a 5,2 punti percentuali. In una lettera aperta, un certo numero di eminenti scienziati, scrittori e attivisti tedeschi ha esortato il governo a fare il passo coraggioso di liberarsi dall’energia russa. Il partito dell’Unione Cristiano Democratica dell’ex cancelliere Angela Merkel ha proposto di chiudere il gasdotto Nord Stream 1, consentendo l’importazione di gas attraverso altre rotte.

Il governo tedesco di sinistra liberale, nel frattempo, sta cercando di guadagnare tempo per riempire le sue riserve di gas, che lo scorso anno erano sottofornite dalle compagnie energetiche russe e sono in gran parte esaurite alla fine dell’inverno. Nella sua ricerca di fonti di energia alternative, è anche difficile trovare soluzioni a breve termine. Anche semplificando il processo di autorizzazione di nuovi parchi eolici e solari, la costruzione richiederà tempo. La costruzione di terminal portuali per il gas naturale liquefatto (GNL), come la Germania ha promesso di fare nelle città di Brunsbüttel und Wilhelmshaven, richiede solitamente almeno cinque anni.