Gli obiettivi di energia nucleare della Cina restano intatti nonostante la guerra in Ucraina

Secondo gli analisti è improbabile che gli obiettivi di energia nucleare della Cina vengano ribaltati da problemi di sicurezza per via dell'invasione russa dell'Ucraina

MeteoWeb

Ci si aspetta che Pechino rimanga ferma sullo sviluppo delle capacità di energia nucleare della Cina come parte della sua spinta alla decarbonizzazione, nonostante i problemi di sicurezza innescati dall’invasione russa dell’Ucraina. Secondo gli esperti cinesi il Paese dovrebbe superare gli Stati Uniti e la Francia per diventare il più grande operatore nucleare del mondo entro il 2030, grazie al forte sostegno del governo centrale. “L’energia nucleare ha il sostegno del governo cinese, che la posiziona come un’opzione chiave per sostituire l’energia a carbone nei prossimi decenni insieme all’energia eolica, solare e idroelettrica. La Cina ha compiuto enormi progressi nella localizzazione della tecnologia nucleare“, ha affermato Alex Whitworth, direttore della ricerca presso la società di consulenza Wood Mackenzie.

La spinta all’energia nucleare di Pechino arriva quando le pressioni sulla decarbonizzazione e le preoccupazioni per la sicurezza suscitate dall’invasione della Russia portano al dibattito e alla ricerca tra le altre grandi potenze nucleari. Ad esempio, in risposta all’invasione della Russia, i funzionari in Germania hanno proposto di estendere la durata delle sue centrali nucleari per garantire la sicurezza energetica, sebbene questo suggerimento sia stato successivamente respinto. Ma mentre alcuni paesi mirano a diventare liberi dall’energia nucleare – il Belgio chiuderà tutti e sette i suoi reattori nucleari entro il 2025 e la Spagna avvierà un phase-out dell’energia nucleare nel 2027 – la Cina dovrebbe costruire circa otto nuovi reattori nucleari all’anno tra l’anno scorso e il 2025 per raggiungere il suo obiettivo di neutralità in termini di emissioni di carbonio per il 2060, secondo il suo quattordicesimo piano di sviluppo quinquennale.

Con lo sviluppo del suo progetto di reattore nucleare ad acqua Hualong One di terza generazione, la Cina ha costruito un solido track record in una serie di tecnologie nucleari. Inoltre, secondo Wood Mackenzie, il costo dell’energia nucleare nella costa cinese è competitivo con quello a carbone e circa la metà del costo della costruzione di nuove unità nucleari negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Francia.

Il governo centrale svilupperà l’energia nucleare in modo attivo e ordinato, ha affermato il premier cinese Li Keqiang durante l’Assemblea nazionale del popolo il 5 marzo. Inoltre, diversi delegati hanno anche offerto suggerimenti politici su come la Cina potrebbe accelerare la costruzione del suo nucleare di terza generazione centrali elettriche per raggiungere i propri obiettivi di carbon peaking e neutralità, durante le riunioni parlamentari annuali delle “due sessioni” del Paese.

Affinché la Cina raggiunga la neutralità del carbonio entro la metà del secolo, l’energia nucleare dovrà rappresentare il 28% della sua produzione di elettricità, seguita dall’eolico al 21%, dal solare al 17% e dall’idroelettrico al 14%, secondo le proiezioni di l’Istituto di ricerca sull’energia della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma del pianificatore statale. Ciò significherebbe un aumento di dieci volte della capacità nucleare a 554 gigawatt (GW) entro il 2050, secondo la ricerca.

Intervenendo a un forum sull’energia a Shanghai nel 2020, Chen Hua, vicepresidente della China Nuclear Energy Association, ha affermato che entro il 2025 la Cina avrebbe dovuto disporre di 70 GW di capacità nucleare in funzione e 40 GW in costruzione, pari a circa il 6%. di produzione di energia elettrica nel Paese. La percentuale salirebbe ulteriormente al 10% entro il 2035, ha affermato Chen.

Il nucleare presenta vantaggi rispetto all’energia eolica e solare in termini di capacità di fornire energia di carico di base affidabile. Tuttavia, in molti paesi c’è una grande opposizione pubblica e politica da superare”, ha affermato Whitworth di Wood Mackenzie. Il rischio di disastri nucleari è sempre stato una delle principali preoccupazioni. L’errore umano o tecnico e le catastrofi naturali sono rischi significativi per il funzionamento sicuro degli impianti nucleari, ha affermato Nneka Chike-Obi, direttore della finanza sostenibile presso Fitch Ratings, citando l’incidente di Chernobyl nel 1986 e il disastro di Fukushima nel 2011.

Le forze russe hanno sequestrato la più grande centrale nucleare d’Europa a Zaporizhzhia in Ucraina il 4 marzo dopo pesanti combattimenti. Un enorme incendio alla centrale, la cui cattura è seguita al sequestro della defunta ma ancora radioattiva centrale nucleare di Chernobyl una settimana prima, ha innescato l’allarme globale sulle vulnerabilità e sui pericoli dell’uso dell’energia nucleare.
Il sequestro russo e l’incendio alla centrale hanno suscitato preoccupazioni sulla sicurezza nucleare. Eppure la mossa non era imprevedibile. Le centrali elettriche, nucleari o meno, sono obiettivi strategici importanti nei conflitti militari“, ha affermato Li Miaosu, analista capo presso la società di consulenza del settore energetico The Lantau Group.

Oltre all’opposizione pubblica, anche i lunghi tempi di costruzione e l’alto rischio di esplosioni di bilancio e cancellazioni sono i principali ostacoli alle nuove centrali nucleari negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania e in altri mercati sviluppati. La quota dell’energia nucleare nel mix energetico globale è già in calo e si prevede che scenderà al 9% entro il 2030, superata dall’energia eolica e solare, secondo The Lantau Group.