Guerra Ucraina, anziana signora avvelena 8 soldati russi offrendo loro una torta allo zinco

La signora ucraina ha fatto leva sulla crescente fame dei militari russi, rimasti senza provviste, per tentare di ucciderli

MeteoWeb

In Ucraina tutti resistono all’attacco russo, a prescindere dall’età o dalle capacità di combattimento, o ancora dalle armi che si posseggono. E’ così che molti devono letteralmente inventarsi un modo per far fronte all’invasione. Tra questi vi è una signora in età avanzata, che è riuscita ad avvelenare otto soldati russi offrendo loro una torta. Secondo l’agenzia di stampa Unian, l’esercito russo è in una situazione drammatica e i soldati sono ridotti alla fame. E’ così che una nonna disperata ha deciso di portare loro una torta contenente zinco: ha così avvelenato otto persone.

La storia sarebbe stata scoperta grazie ad una conversazione privata dell’esercito russo e intercettata dalle forze ucraine. Non è quindi nota l’identità dell’anziana signora. A pubblicare per primo la notizia è stato il consigliere del capo del Ministero degli affari interni Anton Gerashchenko. Secondo quanto emerso, gli invasori starebbero saccheggiando abitazioni private e supermercati, in cerca di cibo che però difficilmente riescono a trovare. La donna ha così pensato di trarli in inganno, e a quanto pare non è la prima volta che accade un evento simile da quando è iniziata la guerra in Ucraina. Ai russi, infatti, sono stati più volte consegnati cibi avariati e acqua contaminata.

Allo stesso tempo, molti civili ucraini stanno rifiutando gli aiuti umanitari dei russi, con il timore di essere a loro volta avvelenati. A Kherson, nonostante il blocco agli aiuti umanitari, i residenti hanno rifiutato il cibo offerto dai russi e lo hanno letteralmente buttato in pieno centro della città.