Guerra Ucraina: volontari britannici potrebbero avere innescato un attacco mortale dopo che i loro telefoni sono stati rilevati dai russi

Almeno 35 persone sono morte quando 30 missili da crociera russi hanno distrutto la struttura di Yavoriv

MeteoWeb

Si teme che combattenti volontari britannici abbiano innescato un attacco aereo mortale su una base militare ucraina dopo che i loro telefoni sono stati rilevati nell’area: lo rivela il Telegraph.
Almeno 35 persone sono rimaste uccise quando 30 missili da crociera russi hanno polverizzato la struttura di Yavoriv, ​​vicino al confine polacco, il 13 marzo.
Si ritiene che l’obiettivo della base fosse il Centro internazionale per il mantenimento della pace e la sicurezza, dove l’Ucraina ha addestrato reclute civili straniere per la sua brigata internazionale.

Il Telegraph ha appreso che circa 12-14 numeri di telefono con prefisso +44 erano visibili alle apparecchiature di sorveglianza nell’area nelle ore precedenti l’attacco missilistico.
Fonti della sicurezza hanno affermato che i mercenari pagati dal Wagner Group, una compagnia militare segreta con legami con il Cremlino, erano sospettati di operare sul campo in quel momento.
Si teme che siano stati in grado di utilizzare la propria attrezzatura per intercettare i numeri e passare le informazioni all’intelligence russa, che ha collegato i dettagli all’ex personale militare britannico e ha immediatamente ordinato un attacco.
I numeri di cellulare possono diventare visibili alla tecnologia di snooping quando il dispositivo esegue il ping di una cella nelle vicinanze per connettersi alla rete in modo che un utente possa effettuare chiamate o inviare messaggi.

Si pensa che la Russia abbia accesso a un vasto elenco di numeri di telefono collegati alle unità britanniche d’élite, raccolti attraverso operazioni di sorveglianza segreta vicino a basi militari nel Regno Unito.
Molti degli uomini britannici che si sono offerti volontari per unirsi alla resistenza contro l’invasione di Vladimir Putin hanno precedentemente prestato servizio in queste unità, il che significa che i loro numeri potrebbero fare immediatamente scattare un campanello d’allarme al Cremlino se scoperti durante le connessione a una rete telefonica ucraina.

Il Regno Unito non ha schierato truppe in Ucraina per evitare di essere coinvolta in un conflitto diretto con la Russia, ma decine di ex militari si sono recati sul posto per unirsi ai combattimenti o per aiutare ad addestrare e supportare le truppe locali.