I supermercati e i discount tedeschi stanno eliminando i prodotti provenienti dalla Russia

Sempre più rivenditori di generi alimentari in Germania stanno eliminando i prodotti russi dai loro scaffali

MeteoWeb

Le sanzioni contro la Russia stanno assumendo proporzioni enormi. Anche le grandi catene di vendita al dettaglio in Germania hanno annunciato che per il momento non venderanno più prodotti russi. La vodka russa, ad esempio, è stata bandita dagli scaffali di Aldi Nord e Aldi Süd, ma non solo. Rewe e Penny stanno elencando i prodotti russi eliminati e anche il leader di mercato Edeka sta esaminando la sua gamma di prodotti per sostenere le sanzioni.

Secondo un sondaggio dell’agenzia di stampa tedesca, sempre più rivenditori di generi alimentari in Germania stanno vietando i prodotti russi dai loro scaffali. Il gigante della vendita al dettaglio Rewe ha annunciato martedì che avrebbe “eliminato i generi alimentari prodotti in Russia a livello centrale” per Rewe e Penny in Germania. Questi articoli non sarebbero più stati ordinati. Tuttavia, le scorte ancora nei magazzini e nei mercati non sarebbero state distrutte, ma sarebbero comunque in vendita o sarebbero state messe a disposizione delle organizzazioni di volontariato.

Il più grande droghiere tedesco, Edeka, sta rivedendo la sua gamma di prodotti. “Sosteniamo tutte le sanzioni che sono state e saranno avviate dall’UE e dal governo federale. Ecco perché stiamo già determinando se e in che misura abbiamo prodotti dalla Russia o da società di proprietà di oligarchi russi nella nostra gamma di punta“, ha detto il gigante della vendita al dettaglio.

La sede di Edeka, che è responsabile degli acquisti nazionali, non ha da molto tempo rapporti commerciali attivi con produttori con sede in Russia. Tuttavia, al momento non si può escludere che i rivenditori indipendenti Edeka offrano singoli articoli a livello regionale o locale. I commercianti progettano l’assortimento dei loro mercati in modo indipendente.

Il discount Aldi Süd ha riferito di aver eliminato dalla vendita la vodka in una bottiglia da 0,7 litri. “Abbiamo deciso di interrompere l’articolo a tempo indeterminato” L’azienda vuole dare l’esempio nella situazione attuale. Anche la consociata Aldi Nord ha bandito dagli scaffali la grappa russa. “Il nostro pensiero è rivolto a tutte le persone che subiscono guerre e violenze“, ha sottolineato Aldi Nord.

La catena discount Netto, rappresentata principalmente nel nord e nell’est della Germania, aveva già annunciato un boicottaggio delle merci russe . La filiale con sede a Stavenhagen del gruppo danese Salling (Brabrand) ha quindi seguito la società madre. Per protestare contro la guerra in Ucraina, tutti i prodotti fabbricati in Russia sarebbero stati ritirati dagli scaffali. Ciò riguarda circa 15 articoli, tra cui dolciumi, piatti pronti e alcolici come la vodka.

Secondo l’azienda, Netto con il marchio nei colori nero e giallo e un cane come simbolo gestisce circa 340 negozi in otto stati federali tedeschi. Non va confuso con il più grande Netto Marken-Discount con sede in Baviera.