La Cina chiede conto agli USA dei biolaboratori in Ucraina e smentisce le richieste di aiuto della Russia: “sono fake news occidentali”

La Russia, secondo fonti statunitensi, avrebbe chiesto alla Cina di intervenire militarmente in suo aiuto, a pochi giorni dall'incontro previsto oggi a Roma tra rappresentanti cinesi e americani

MeteoWeb

La Cina chiede conto interamente delle attività biomilitari statunitensi in Ucraina. Secondo il ministero degli Esteri cinese le risposte degli Stati Uniti sono state finora “contraddittorie e confuse“. In questo scenario si inseriscono ora le richieste della Russia, in cerca di aiuti militari da parte della Cina, almeno secondo quanto riferito ai media da un funzionario statunitense.

Pechino nega tutto ed etichetta la notizia come “disinformazione“, dato che alti funzionari statunitensi e cinesi si incontreranno a Roma. Secondo il funzionario statunitense, la Russia ha chiesto alla Cina l’equipaggiamento militare da utilizzare per la sua invasione dell’Ucraina, una richiesta che ha acuito le tensioni sulla guerra in corso prima dell’incontro tra alti funzionari statunitensi e cinesi a Roma. Prima dei colloqui di oggi, l’NSA della Casa Bianca Jake Sullivan ha avvertito senza mezzi termini la Cina di evitare di aiutare la Russia a eluderele sanzioni globali che hanno martellato l’economia russa. “Non permetteremo che vada avanti“, ha detto. La Casa Bianca ha affermato che i colloqui nella capitale italiana si concentreranno sull’effetto diretto della guerra della Russia contro l’Ucraina sulla sicurezza regionale e globale.

Foto Ansa

Un funzionario statunitense, parlando in condizione di anonimato, ha affermato nei giorni scorsi che la Russia aveva chiesto sostegno alla Cina – compreso l’equipaggiamento militare – per portare avanti la sua guerra in corso con l’Ucraina. Il funzionario non ha fornito dettagli sulla portata della richiesta. La richiesta è stata riportata per la prima volta dai giornali Financial Times e The Washington Post. Ma lunedì Pechino ha accusato Washington di diffondere “disinformazione” sul ruolo della Cina nella guerra in Ucraina. Senza rivolgersi direttamente ai resoconti dei media statunitensi sulla presunta richiesta di aiuto russa da Pechino, il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha dichiarato: “Gli Stati Uniti hanno diffuso disinformazione sulla questione ucraina prendendo di mira la Cina, con intenzioni malevole“.

Einar Tangen, ricercatore internazionale presso il Taihe Institute, un think tank con sede in Cina, ha detto ad Al Jazeera che Pechino non era interessata a fornire supporto militare. “La Cina ha già detto abbastanza chiaramente che si oppone all’introduzione da parte dell’Occidente di più armi e munizioni in Ucraina poiché la vedono come un’aggiunta di petrolio al fuoco. Quindi sarebbe ipocrita se iniziassero ad aiutare la Russia“, ha detto Tangen. “In termini di economia, nulla è cambiato“, ha precisato. “Dal punto di vista della Cina, gli Stati Uniti hanno in sostanza progettato una tragedia e anche i russi hanno avuto colpa nell’invadere un altro paese. Ma quando si arriva al punto, due torti non fanno un diritto“, ha aggiunto Tangen, osservando che la Cina stava spingendo per una soluzione diplomatica alla crisi.

Il Cremlino ha poi negato di aver cercato aiuto militare cinese. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato lunedì che la Russia non ha chiesto assistenza militare alla Cina e ha un potere militare sufficiente per raggiungere tutti i suoi obiettivi in ​​Ucraina.

L’invasione russa dell’Ucraina ha messo la Cina in una situazione delicata con due dei suoi maggiori partner commerciali: gli Stati Uniti e l’Unione Europea. La Cina ha bisogno di accedere a quei mercati, ma ha anche mostrato sostegno a Mosca, unendosi alla Russia nel dichiarare un’amicizia senza limiti. Nei suoi colloqui con il consigliere di politica estera cinese Yang Jiechi, Sullivan cercherà davvero dei limiti in ciò che Pechino farà per Mosca. “Non ho intenzione di sedermi qui pubblicamente e brandire minacce”, ha detto domenica alla CNN. “Ma quello che ti dirò è che stiamo comunicando direttamente e privatamente a Pechino che ci saranno assolutamente delle conseguenze” se la Cina aiuterà la Russia a “riempire” le perdite dovute alle sanzioni. “Non permetteremo che ciò vada avanti e consentiremo che ci sia un’ancora di salvezza per la Russia da queste sanzioni economiche da qualsiasi paese in qualsiasi parte del mondo“, ha affermato Sullivan.

Nei brevi commenti sui colloqui, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian non ha menzionato l’Ucraina, affermando che “la questione chiave di questo incontro è implementare l’importante consenso raggiunto dai capi di stato cinese e statunitense nel loro vertice virtuale del novembre dello scorso anno” . “Si scambieranno opinioni sulle relazioni Cina-USA e su questioni internazionali e regionali di interesse comune“, ha affermato Zhao nei commenti pubblicati sul sito web del ministero alla fine di domenica.

La Cina è stato uno dei pochi paesi a evitare di criticare i russi per la loro invasione dell’Ucraina. Il leader cinese Xi Jinping ha ospitato Putin per l’apertura delle Olimpiadi invernali a Pechino appena tre settimane prima che la Russia invadesse il 24 febbraio. Durante la visita di Putin, i due leader hanno rilasciato una dichiarazione di 5.000 parole in cui dichiaravano un’amicizia senza limiti. La Cina si è astenuta dai voti delle Nazioni Unite che censuravano la Russia e ha criticato le sanzioni economiche contro Mosca. Ha espresso il suo sostegno ai colloqui di pace e ha offerto i suoi servizi come mediatore, nonostante le domande sulla sua neutralità e la scarsa esperienza nella mediazione dei conflitti internazionali. Ma restano interrogativi su quanto lontano si spingerà Pechino per alienare l’Occidente e mettere a rischio la propria economia. Sullivan ha affermato che la Cina e tutti i paesi sono informati che non possono “sostanzialmente salvare la Russia … dare alla Russia una soluzione alternativa alle sanzioni” impunemente.

Funzionari cinesi hanno affermato che Washington non dovrebbe potersi lamentare delle azioni della Russia perché gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq con false pretese. Gli Stati Uniti hanno affermato di avere prove che Saddam Hussein stesse accumulando armi di distruzione di massa, sebbene nessuna sia mai stata trovata. Sulla CNN, Sullivan ha detto che l’amministrazione crede che la Cina sapesse che Putin “stava pianificando qualcosa” prima dell’invasione dell’Ucraina. Ma ha detto che il governo cinese “potrebbe non averne compreso appieno la portata perché è molto probabile che Putin abbia mentito loro nello stesso modo in cui ha mentito agli europei e ad altri“.