Lanciata la Soyuz con 3 cosmonauti russi diretti alla Stazione Spaziale: primo lancio dopo la crisi ucraina

I tre cosmonauti russi Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov sono partiti a bordo della Soyuz MS-21: giungeranno sulla ISS dopo tre ore di viaggio

MeteoWeb

Avvenuto il primo lancio spaziale russo dopo l’invasione dell’Ucraina e le conseguenti tensioni internazionali che hanno messo in crisi la pacifica collaborazione nello spazio. È stata lanciata da Baikonur (Kazakistan) la Soyuz MS-21 con tre cosmonauti diretti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS): Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov. La navetta arrivera’ in orbita dopo un viaggio di 3 ore: l’aggancio e’ previsto alle 20:05 (ora italiana), mentre l’apertura del portello avverra’ intorno alle 22:30.

I tre cosmonauti russi resteranno in orbita per una missione di sei mesi e mezzo, durante la quale svolgeranno fino a un massimo di sette passeggiate spaziali, secondo quanto anticipato durante una conferenza stampa pre-lancio organizzata dalla Roscomos. I loro connazionali Anton Shkaplerov e Pyotr Dubrov torneranno invece sulla Terra il prossimo 30 marzo a bordo della Soyuz MS-19, insieme all’americano Mark Vande Hei. Al momento questo viaggio di rientro è confermato.

A bordo dell’avamposto spaziale, i tre cosmonauti russi in arrivo saranno accolti da 2 connazionali, 4 americani e 1 tedesco. Oggi si festeggia anche il compleanno di Matthias Maurer, l’astronauta tedesco dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) che, al quinto mese della sua prima missione sulla ISS, compie 52 anni.

Ad aprile, l’equipaggio della ISS accoglierà anche l’italiana Samantha Cristoforetti dell’ESA, pronta a lavorare alla sua missione Minerva, e tre astronauti della NASA: i 4 viaggeranno a bordo della navetta Crew Dragon di SpaceX.