Mal di testa cronici e dolore dietro agli occhi: come riconoscere in tempo il glaucoma, la 2ª causa di cecità al mondo

Il glaucoma viene definito anche il "ladro silenzioso" perché nelle fasi iniziali non si avverte nessun sintomo

MeteoWeb

Si vive più a lungo, ma si vede sempre meno bene. A ’rubare’ la vista degli anziani è spesso il glaucoma, che attualmente rappresenta la seconda causa di cecità nel mondo dopo la cataratta. In Italia ne soffrono circa un milione e 200mila persone, ma una su due ancora non lo sa e questo significa accorgersene quando ormai è troppo tardi. Il glaucoma, infatti, viene definito anche il ‘ladro silenzioso’ perché nelle fasi iniziali non si avverte nessun sintomo e quindi ci si rivolge all’oculista solo quando il danno visivo è già conclamato. Per questo – già a partire dai 40 anni – è importante effettuare un check up della vista per intercettare in tempo i segnali della malattia. 

A ricordarlo è anche ZEISS Vision Care, azienda leader nel settore dell’ottica, sinonimo di eccellenza nella produzione di lenti per occhiali, trattamenti e colorazioni, in occasione della Settimana mondiale del glaucoma – dal 6 al 12 marzo – istituita dalla World Glaucoma Association.

Prevenzione del glaucoma

“Non è possibile prevenire il glaucoma ma, tenendo sotto controllo i fattori di rischio associati a questa malattia dell’occhio, è possibile evitare la cecità” – spiega il Dottor Franco Spedale, Direttore dell’Unità Operativa a funzione Dipartimentale dell’Oculistica dell’Ospedale di Chiari ASST Franciacorta. “Se ad esempio si è a forte rischio di sviluppare il glaucoma a causa della propria etnia, del diabete, della propria storia familiare o dell’età, è importante sottoporsi a regolari screening del glaucoma. Anche lo stile di vita individuale può influire: il rischio di sviluppare il glaucoma può essere, ad esempio, ridotto efficacemente tenendo sotto controllo l’ipertensione e gestendo le apnee del sonno.

Alcuni dei possibili campanelli di allarme a cui prestare attenzione sono:

  • Mal di testa cronici
  • Visione sfocata
  • Dolore dietro agli occhi
  • Lacrimazione oculare

In presenza di uno o di una combinazione di questi sintomi, è opportuno consultare un oculista e richiedere un test del glaucoma.

In che modo il glaucoma influenza la visione?

“Il glaucoma compromette gradualmente “alcune zone” di campo visivo. Chi è affetto da glaucoma subisce una progressiva riduzione dell’ampiezza della visione, che appare appannata con sfocatura progressiva, e quando il glaucoma è in fase avanzata il soggetto vede come se avesse il paraocchi” – prosegue il Dottor Spedale.

L’importanza dell’attività fisica

Praticare attività fisica in maniera costante può aiutare a diminuire il rischio di sviluppare glaucoma. Secondo l’American Heart Association, bisognerebbe fare 10mila passi al giorno, di cui almeno 3mila consecutivi e aumentando di 10 minuti al giorno l’attività fisica, si può arrivare anche a ridurre del 25% il rischio di glaucoma.

Con quale frequenza è consigliabile sottoporsi a un controllo della pressione oculare?

Ognuno di noi dovrebbe sottoporsi a regolari check up visivi, incluso lo screening del glaucoma, almeno ogni 2 anni, in particolar modo dopo i 40 anni. Il rischio di glaucoma è ancora maggiore dopo i 60 anni, e a questa età è opportuno discutere della frequenza con cui sottoporsi allo screening con il proprio oculista.

Se si portano occhiali, è probabile che il glaucoma venga controllato ogni volta che ci si reca dall’oculista per aggiornare la prescrizione delle lenti. Se invece non si hanno problemi visivi, è meno probabile che ci si sottoponga a visite regolari. è necessario esserne consapevoli e ricordarsi di effettuare un controllo oculistico anche se non si portano occhiali. Coloro che soffrono di diabete, hanno più di 60 anni o hanno familiarità con il glaucoma, dovrebbero sottoporsi a uno screening almeno una volta all’anno.

Per uno screening generico preliminare, ZEISS offre la possibilità di effettuare un primo “checkup visivo online” direttamente a casa, per verificare in pochi semplici passi se è tempo di effettuare un controllo degli occhi e della vista presso il proprio medico oculista. Il test ZEISS online si compone di tre test visivi: il test dell’acuità visiva, test della visione dei contrasti e test della visione dei colori.