Tragedia in Sicilia: mamma va a svegliare la figlia di 11 anni e la trova morta

La piccola si sarebbe sentita male la sera prima e i genitori l'avrebbero portata da un medico di fiducia, senza fare ricorso alle cure del pronto soccorso

MeteoWeb

Una tragedia improvvisa ha colpito una famiglia di Rometta, in Sicilia. Una bambina di 11 anni, Valeria Grillo, è morta nel sonno, nel suo letto. Ad accorgersi dell’accaduto è stata la mamma: quando è andata a svegliarla, la piccola non dava più segni di vita. In base a quanto si apprende, la piccola si sarebbe sentita male la sera prima e i genitori l’avrebbero portata da un medico di fiducia, residente in zona, per un controllo, ma non hanno fatto ricorso alle cure del pronto soccorso. Ieri mattina, poi, la macabra scoperta.

Alla famiglia sono giunte le condoglianze del sindaco Nicola Merlino. “A mio nome, a nome dell’Amministrazione comunale e di tutta la comunità romettese – ha scritto il primo cittadino – attonita e sconvolta per l’improvvisa scomparsa della piccola Valeria Grillo, esprimo, sgomento, il più profondo cordoglio ai genitori ed alla famiglia tutta”. “Il gruppo consiliare “Vivi Rometta” – si legge ancora nella pagina facebook – si stringe attorno ai familiari per la prematura perdita della cara piccola Valeria. Non troviamo parole per alleviare il vostro profondo dolore, ma il nostro cuore è con voi“.

Toccante anche il saluto da parte dell’Oratorio di Rometta Marea. “Valeria, meno di un anno fa, ti sei cibata del corpo di Gesù che si è fatto cibo commestibile per te per la prima volta, ed oggi, ancora increduli, ti vogliamo immaginare tra le sue braccia mentre ti coccola. La comunità intera, sgomenta, si stringe attorno alla famiglia tutta con la preghiera, ed in special modo alla mamma Giovanna molto presente ai servizi comunitari. I funerali saranno lunedì 28 marzo alle ore 17,30“. Tutta la comunità scolastica del Comprensivo di Saponara, attraverso un messaggio diffuso dalla preside Emilia Arena, “si stringe in rispettoso silenzio attorno alla tragedia“.