Piattaforma di ghiaccio antartico grande quanto Roma collassa improvvisamente: potrebbe essere l’inizio di una tendenza preoccupante

Le immagini satellitari hanno rivelato l'improvvisa scomparsa della piattaforma di ghiaccio Conger nell'Antartide orientale

MeteoWeb

Un’enorme piattaforma di ghiaccio antartico che copriva un’area delle dimensioni di New York o Roma è appena crollata nell’oceano. Gli scienziati hanno avvertito che, sebbene non si aspettino impatti significativi come risultato di questo evento, lo scioglimento del ghiaccio in questa regione storicamente stabile potrebbe essere un indicatore di quanto avverrà in futuro.

Le foto satellitari hanno rivelato l’improvvisa scomparsa della piattaforma di ghiaccio Conger nell’Antartide orientale tra il 14 e il 16 marzo.
La piattaforma di ghiaccio Glenzer Conger presumibilmente esisteva da migliaia di anni e non ci sarà mai più,” ha dichiarato a NPR il glaciologo dell’Università del Minnesota Peter Neff.
La piattaforma di ghiaccio si era lentamente ridotta dagli anni ’70, ma un recente scioglimento accelerato ha preceduto il crollo improvviso e inaspettato di questo mese.

L’Antartide è divisa in Antartide orientale e occidentale, con i Monti Transantartici che separano le due metà. Nell’Antartide occidentale il ghiaccio è più instabile che nell’Est, e quindi si osserva spesso lo scioglimento del ghiaccio e il collasso delle piattaforme.
Tuttavia, l’Antartide orientale è una delle località più fredde e meno piovose del pianeta Terra e, per questo motivo, i crolli di piattaforme di ghiaccio sono inediti nella zona. Secondo AP, questo è il primo grande collasso di una piattaforma di ghiaccio nell’Antartide orientale della storia umana.

Questo crollo si è verificato durante un periodo di temperature insolitamente elevate nella regione. La stazione Concordia, una struttura di ricerca antartica situata sul lato orientale del continente, ha riportato temperature di -11,8°C il 18 marzo, la temperatura più calda mai registrata a marzo presso la stazione. Questa temperatura è di oltre 40°C più calda rispetto alle medie stagionali. Queste temperature insolitamente elevate sono il risultato di un “fiume atmosferico“, un getto di aria calda e umida che ha intrappolato il calore sulla regione. Parte di quell’umidità è persino precipitata sotto forma di pioggia.

Gran parte di quel calore proveniente dal fiume atmosferico è stato probabilmente assorbito dall’acqua sotto la banchisa di Conger. La scienziata planetaria della NASA Catherine Colello Walker ha ipotizzato su Twitter che il calore trasportato da un recente evento di fiume atmosferico abbia contribuito all’improvviso collasso della piattaforma.

Sebbene il collasso sia avvenuto il 15 marzo, è stato solo il 2° di 3 eventi simili nella regione questo mese, secondo Helen Amanda Fricker, professoressa di glaciologia presso la Scripps Institution of Oceanography. Fricker ha affermato che gli eventi di distacco di piattaforme di ghiaccio che danno vita ad iceberg fanno parte del ciclo di vita naturale di una piattaforma. A causa del caldo fuori stagione, gli scienziati devono esplorare la possibilità di una connessione con il cambiamento climatico.

Secondo il National Ice Center degli Stati Uniti, gli eventi, iniziati il ​​7 marzo, hanno creato diversi iceberg, uno dei quali, soprannominato C-37, misura 14,8 per 5,6 km.

Sebbene gli scienziati non si aspettino conseguenze importanti come risultato diretto del crollo della piattaforma di ghiaccio Conger, hanno avvertito che questo potrebbe essere l’inizio di una tendenza preoccupante. Secondo Neff, le piattaforme di ghiaccio fungono da cuscinetto per proteggere i ghiacciai antartici dallo scioglimento, poiché isolano quei ghiacciai dall’acqua calda del mare. Se i ghiacciai nell’Antartide orientale si sciogliessero, potrebbero essere uno dei principali motori dell’innalzamento del livello del mare nei prossimi decenni.