Previsioni Meteo: possibilità di intense piogge atlantiche tra fine marzo e inizio aprile

Previsioni Meteo: dagli ultimi giorni di marzo e per i primi di aprile, possibile peggioramento più significativo e più esteso del tempo. I dettagli con le aree più colpite

MeteoWeb

Le condizioni anticicloniche che andranno stabilendosi nel corso di questa settimana potrebbero non avere un lungo seguito. Già nell’ultimo weekend del mese, quello del 26/27 marzo, le previsioni meteo computano un moderato cavo d’onda nordatlantico in azione verso il Mediterraneo centrale con un aumento di nubi e già prime piogge su alcuni settori, soprattutto centro-meridionali. Ma un nuovo cambiamento del tempo potrebbe essere solo all’inizio. Infatti, stando alle ultime simulazioni modellistiche, tra gli ultimi giorni di marzo e i primi 4/5 giorni di aprile, potrebbe via via farsi strada un peggioramento più consistente del tempo e anche più esteso a buona parte della penisola. La matrice, questa volta, sarebbe atlantica, quindi aria mediamente più mite, ma anche molto più umida occidentale o meridionale, pilotata da una possibile area depressionaria in approfondimento verso la Penisola Iberica e il Mediterraneo centro-occidentale.

La configurazione barica media che potrebbe prendere piede tra gli ultimissimi giorni del mese e l’inizio di aprile, potrebbe essere alla stregua di quella rappresentata nell’immagine in evidenza, con un flusso di correnti fredde scandinave, questa volta varcante l’Europa centrale e confluente verso le aree sud-occidentali del continente, dove si scatenerebbe un’azione depressionaria. La circolazione ciclonica in quella sede europea convoglierebbe aria più umida dal Nord Africa e dal Mediterraneo meridionale verso molte regioni italiane, con azione frontale instabile o a tratti anche perturbata. Le aree più esposte ai fronti perturbati sarebbero, in questo caso, e diremmo anche finalmente dopo tanto tempo di siccità, soprattutto quelle tirreniche e settentrionali, localmente anche i settori tirrenici appenninici. Su queste regioni, ci sarebbe la possibilità di piogge, rovesci e anche di locali temporali abbastanza ricorrenti per qualche giorno; i fenomeni sarebbero moderati, localmente forti sul medio-alto Tirreno in genere, dalla Liguria alla Campania, anche su Ovest Umbria e Ovest Abruzzo, più intensi sul settore ligure, sull’alta Toscana e poi su Alpi e Prealpi un po’ tutte. Nubi irregolari con locali piogge potrebbero interessare anche il resto delle regioni, ma in forma decisamente più debole e anche più localizzata, specialmente sul medio-basso Adriatico, su buona parte del Sud, sulla Sicilia e sulla Sardegna centro meridionale. Il quadro termico per la fase instabile computata, sarebbe in leggero calo rispetto ai giorni precedenti, ma non freddo, con valori termici più o meno nella media stagionali sulle regioni settentrionali e dell’alto Tirreno, un po’ sopra la norma sul resto dell’Italia, di più sul medio-basso Adriatico e al Sud. Sarebbero naturalmente possibili  nevicate soprattutto sui settori alpini, a quote di media montagna o anche temporaneamente di bassa montagna. Maggiori e ulteriori dettaglio sulla fase più instabile attesa tra fine mese e l’inizio aprile, nei nostri quotidiani aggiornamenti.