Sesso, arriva il “pillolo”: il nuovo contraccettivo maschile però per ora funziona solo nei topi

"Speriamo che il nostro lavoro possa portare finalmente allo sviluppo di un contraccettivo orale per la popolazione maschile"

MeteoWeb

Una ricerca presentata durante l’American Chemical Society (ACS) Spring Meeting 2022, condotta dagli scienziati dell’Università del Minnesota, intende sviluppare una pillola non ormonale che possa ampliare le opzioni contraccettive maschili.
I metodi contraccettivi destinati alla popolazione femminile sono numerosi – hanno evidenziato gli autori – e vanno dalle pillole ormonali fino ai dispositivi intrauterini, mentre per le controparti maschili le opzioni sono significativamente meno differenziate.

Il team di studiosi, guidato da Abdullah Al Noman e Gunda Georg, ha sviluppato un contraccettivo maschile non ormonale in grado di ridurre il rischio di gravidanze indesiderati.
Il metodo, testato in un modello murino, è risultato efficace al 99% e non ha mostrato effetti collaterali evidenti.

I ricercatori hanno concentrato la loro attenzione su una proteina chiamata recettore alfa dell’acido retinoico (RAR-), che gioca un ruolo cruciale nella crescita cellulare, nella formazione del liquido seminale e nello sviluppo embrionale: il team ha sviluppato un composto orale che inibisce il gene RAR- e provoca sterilità reversibile nei topi maschi.
La sostanza (chiamata YCT529) è stata somministrata per via orale per 4 settimane e ha ridotto drasticamente il numero di spermatozoi prodotti. A distanza di 4-6 settimane dalla conclusione del periodo di trattamento, i topi sono stati in grado di generare nuovamente prole.

Speriamo che il nostro lavoro possa portare finalmente allo sviluppo di un contraccettivo orale per la popolazione maschile,” ha affermato Georg – Stiamo esplorando anche altri composti oltre a YCT529“.