Guerra in Ucraina: la Russia blocca Facebook all’interno del Paese

L'Autorità russa per le comunicazioni ha annunciato il blocco di Facebook nel Paese

MeteoWeb

L’Autorita’ russa per le comunicazioni ha annunciato il blocco di Facebook in Russia, accusando il social network di “discriminare” i media russi. “La decisione di bloccare l’accesso a Facebook e’ stata presa oggi”, ha annunciato Roskomnadzor su Telegram.

Da ottobre 2020, riferisce Roskomnadzor, “sono stati registrati 26 casi di discriminazione contro i media russi e le risorse informative da parte di Facebook. Nei giorni scorsi il social network ha limitato l’accesso agli account del canale televisivo Zvezda, l’agenzia di stampa Ria Novosti, Sputnik, Russia Today, Lenta.ru e Gazeta.ru“.

Mosca aveva gia’ annunciato una settimana fa “limitazione dell’accesso” e “rallentamento” del funzionamento di Facebook, in risposta alle iniziative contro le testate russe. Secondo l’autorita’ di regolamentazione russa, queste restrizioni “violano i principi chiave della libera diffusione delle informazioni e dell’accesso senza ostacoli degli utenti russi ai media nazionali su piattaforme Internet straniere”.

Nick Clegg, presidente per i global affairs di Meta – sotto il cui cappello sono Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger, ha scritto in un tweet: “presto milioni di cittadini russi si troveranno tagliati fuori dalle informazioni attendibili, privati della loro modalita’ quotidiana di connettersi con famiglie e amici e silenziati. Continueremo a fare il possibile per rendere i nostri servizi nuovamente disponibili alle persone e per metterli in grado di esprimersi in maniera sicura e mobilitarsi. Milioni di russi presto privati di informazioni affidabili”.

Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, il 24 febbraio, le autorita’ russe hanno intensificato la pressione contro gli ultimi media indipendenti e sui principali social network. I deputati russi hanno approvato un disegno di legge che punisce con pene fino a 15 anni di detenzione coloro che diffondono “informazioni false sull’esercito“. Roskomnadzor ha anche limitato l’accesso alla BBC, alla radio e alla televisione internazionale tedesca Deutsche Welle, al sito russo indipendente Meduza, a Radio Svoboda, alla filiale russa di RFE/RL, a Voice of America. Intanto sono state chiuse anche la radio Eco di Mosca e la Tv Dozhd note per ospitare spesso posizioni critiche del Cremlino.

Guerra in Ucraina: dopo Facebook, la Russia blocca anche Twitter