Allerta Meteo, stasera inizia nuova sfuriata d’inverno da Nord

Allerta Meteo: dapprima variabilità con scarsi fenomeni, poi via via fiocchi di neve sulle Alpi e arrivo di locali rovesci o temporali in serata. I dettagli fino alla mezzanotte

MeteoWeb

Come da previsioni meteo, l’impulso instabile nord-atlantico a carattere relativamente freddo sta per entrare sul Mediterraneo.  Attualmente la parte più fredda del nucleo sta viaggiando dalla Germania, Francia orientale verso i settori alpini con un fronte associato in azione tra l’Austria, la Bulgaria, la Slovacchia e fino alla Polonia. L’avanzare dell’impulso verso Sud, sta inducendo correnti pre-frontali più miti occidentali verso anche le nostre regioni, con nubi più presenti su molte regioni, soprattutto centro-meridionali, ma senza piogge degne di nota, salvo locali rovesci sull’Adriatico centrale in mare e qualcuno sul Tirreno, sempre in mare, a largo delle coste sarde orientali.

Da evidenziare, invece, addensamenti più significativi, questi legati al fronte principale in azione sui settori centro-orientali europei, sulle Alpi di Nordest, essenzialmente sulle Dolomiti e sulle Alpi Carniche, qui con precipitazioni nevose che stanno scendendo di quota fin verso i 1000 m, poi ancora più in basso verso la tarda mattinata. Addensamenti e fiocchi sparsi sopra i 1000/1300 m anche sul resto delle Alpi, tuttavia in forma decisamente più localizzata.

previsioni meteo piogge 9 APRILE

Le previsioni meteo per la giornata,  verso la tarda mattinata e poi verso il pomeriggio, computano un progressivo peggioramento del tempo sul Friuli-Venezia Giulia, con piogge, rovesci più diffusi e neve anche sotto i 1000 m; addensamenti irregolari anche sul resto delle Alpi, con fiocchi verso l’alta collina e addensamenti anche sull’Appennino centrale con deboli piogge sparse, di più sul Lazio orientale, sull’Ovest Abruzzo, localmente sull’Appennino settentrionale tra Toscana e Emilia e occasionalmente sulla Campania centrale. Nel secondo pomeriggio, il tempo peggiorerà in maniera più significativa tra il Centro Sud Veneto, la Lombardia sudorientale, quindi il Bresciano, il Mantovano, poi diffusamente sull’Emilia-Romagna, soprattutto centro-orientale, verso l’alta Toscana, con rovesci e temporali più diffusi e anche più forti su questi settori, in particolare sulla Romagna. La sera, instabilità più accesa tra la Romagna meridionale e le Marche, localmente anche verso la Toscana orientale, fino al Nord dell’Umbria e altre piogge sparse residue tra la Lombardia meridionale e l’Emilia; fiocchi fino a bassa quota sui settori alpini più settentrionali. Tempo in peggioramento anche verso il Nord Abruzzo, il Lazio orientale e deboli piogge tra la Campania centrale e la Calabria tirrenica, qui specie in serata. Nubi irregolari altrove al Centro Sud, ma tempo più asciutto, ampie schiarite invece sul resto del Nord e sulle isole maggiori.

Da evidenziare in serata un più sensibile calo termico oltre che su Alpi e Prealpi e al Nordest, anche sul Centro Nord Appennino, con rischio di locali nevicate che potranno spingersi sino all’alta collina in tarda serata, in particolare sui rilievi della Romagna meridionale, su quelli toscani nordorientali, verso i monti settentrionali delle Marche, localmente anche su quelli interni marchigiani e orientali umbri, occasionalmente sui colli emiliani e toscani settentrionali. Il tempo si manterrà in prevalenza asciutto sul medio Tirreno, nonostante una nuvolosità abbastanza presente, mentre sarà asciutto e anche ampiamente soleggiato sul resto del Nord, sulle isole maggiori e sul resto delle aree meridionali. Per tutto il giorno soffieranno venti sostenuti in prevalenza occidentali al Centro Sud, da Ovest Sud-Ovest sulle aree appenniniche, da Ovest/Nordovest sui bacini tirrenici e sui Mari  e Canali delle isole maggiori. Venti moderati o forti settentrionali o da Nordest verso l’alto Adriatico, la Romagna e il Nord Appennino, dal tardo pomeriggio; venti moderati o forti in prevalenza nord-occidentali o occidentali sul medio-alto Tirreno e venti sostenuti settentrionali anche sui settori alpini e prealpini, localmente sostenuti da direzione variabile sul resto del Nord.

Per il monitoraggio della situazione meteorologica consigliamo le pagine del nowcasting che consentono di seguire in diretta l’evoluzione delle più pericolose celle temporalesche e il loro tragitto: