Archeologia, Sicilia: la vasca sacra di Baal che si pensava fosse un porto fenicio

Inizialmente si pensava che il kothon di Mozia, nella Sicilia meridionale, fosse un porto artificiale. Non lo era, lo dimostra l'archeologo Lorenzo Nigro della Sapienza

MeteoWeb

Ed Elia divenne sarcastico con i profeti di Baal dopo che il dio aveva disdegnato la loro supplica di accendere un fuoco sotto uno sfortunato giovenco sacrificale: “Grida ad alta voce; poiché è un dio; o sta meditando, o è andato in disparte, o è in viaggio, o forse dorme, e deve essere destato” – Re 18, 27

Il grande Baal, il cui nome significa “proprietario” o “padrone”, il cui feudo dipendeva da quando e dove veniva adorato: re degli dei, dio delle stagioni e della tempesta, dio della fertilità, dio della pioggia e del tuono, il cui nome era legione; adorato da Ugarit al Nord Africa e attraverso il Mediterraneo migliaia di anni fa, e anatema per i sacerdoti di Yahweh, Baal sarebbe diventato Bel per gli Aramei e Belos o Belios per gli antichi greci, che è un punto cruciale di questa storia.

Il “porto artificiale” scoperto nel porto fenicio di Mozia, nella Sicilia meridionale, all’inizio del XX secolo non era nulla del genere, a differenza di quanto si pensasse. La monumentale vasca rettangolare era stata male interpretata. Ora ha dimostrato di essere stata una gigantesca vasca sacra in onore di Baal che operò durante il periodo fenicio della città, dall’VIII al V secolo a.C., come spiega sulla rivista Antichità l’archeologo Prof. Lorenzo Nigro dell’Università La Sapienza di Roma. Nel 2014 ha scritto della natura della struttura come piscina e non come porto, ma ora Nigro spiega che la piscina probabilmente svolgeva anche un ruolo astronomico e nuovi ritrovamenti ad essa associati sottolineano la natura multiculturale della città. Infatti la vasca d’acqua dolce era il centro di un monumentale complesso religioso con tre templi, circondato da una cinta muraria circolare.

Il sito di Motya (o Motye o Mozzia) è stato occupato fin dalla preistoria, come si addice a un luogo incantevole del Mediterraneo. La città sorse sulla sponda occidentale dell’isola di San Pantaleo circa 2.800 anni fa, dopo che i Fenici in partenza dal Libano scoprirono l’isola, stabilirono una presenza e convivevano con gli abitanti preistorici, gli Elimi. Il risultato fu una nuova, distintiva identità culturale “fenicia occidentale“, deduce Nigro. La città fenicia di Mozia fu fondata circa un secolo dopo la fondazione della grande e terribile città fenicio-cananea di Cartagine in Tunisia, e quella città non se ne divertiva. Con la crescita dell’influenza di Mozia nella regione del Mediterraneo, le due città entrarono in conflitto. Verso la metà del VI secolo a.C., l’invidiosa Cartagine avrebbe cancellato dalla mappa la città nata e le sue mura difensive.

Eppure questa città “fenicia occidentale” sarebbe risorta, con un nuovo muro difensivo esterno e complessi religiosi monumentali, uno a nord dell’isola (in onore del dio Melqart) e uno a sud. Intorno al 400 a.C. sarebbe stata nuovamente distrutta, questa volta da Dioniso Siracusa. Questa storia parla del complesso religioso meridionale durante la fase fenicia della città, prima di Dioniso, da circa 2.800 a 2.500 anni fa, prima della sua seconda distruzione.

Incombe su tutto, Baal

Con il senno di poi, è chiaro il motivo per cui lo scopo del monumentale bacino rettangolare è stato frainteso quando scoperto per la prima volta nel 1906 dall’archeologo anglo-siciliano Joseph Whitaker, che pensava fosse un porto artificiale chiamato kothon.

Kothon (o cothon) è una parola greca per un recipiente per bere in argilla o metallo dalla bocca tonda usata dai soldati spartani, e nei documenti classici arrivò a indicare il nome del gigantesco porto artificiale a forma di anello di Cartagine. Pensando di aver trovato un porto chiuso, Whitaker ha soprannominato il bacino rettangolare di Motya “cotone“. In onore di Whitaker, la prima persona a indagare sul bacino di Motya, Nigro ha continuato a chiamare la struttura rettangolare un kothon anche se non lo è, spiega.

Torna a Whitaker all’inizio del XX secolo: aveva notato un canale tra il bacino e il mare e pensava che fosse stato scavato per consentire alle barche di navigare. Ha quindi ipotizzato che la struttura fosse un porto artificiale per scopi militari, simile al kothon di Cartagine.

Nel 1971, Benedikt Isserlin dell’Università di Leeds, scrivendo anche sulla rivista Antiquity, descrisse lo scavo di un bacino di carenaggio a Motya, ma come sottolinea Nigro, quella struttura non coinvolgeva il bacino stesso. Perché non poteva essere un kothon? Per molte ragioni. Come ha fatto notare Nigro, in epoca fenicia il Mediterraneo era 80 centimetri più basso di oggi (cambiamento climatico in atto). Con un’area di 37 per 52,5 metri, la piscina è sul lato piccolo per un porto; Il kothon cartaginese, in confronto, era immenso, con un’area esterna destinata ai mercanti e un’area interna per le imbarcazioni militari. Anche alcuni altri porti fenici, come Mahdia e Kition, avevano kothon. Ma in difesa di Whitaker, per quanto riguarda le piscine sacre, questo era grosso. (Più tardi, i romani usarono il kothos di Mozia per allevare pesci; e secoli dopo, dal XVI al XVIII secolo d.C., la piscina fungeva da salina.)

L’interpretazione che si trattasse di una vasca sacra è corroborata dal fatto che i luoghi di culto dei Fenici in tutto il loro regno erano caratterizzati da sorgenti d’acqua naturali o artificiali per abluzioni e scopi rituali. “I santuari [fenici] costruiti nelle vicinanze indicano che alcune sorgenti furono monumentalizzate e venerate“, scrisse Elvira Groenewoud nel 2001 . E allora, la sacra piscina di Mozia era alimentata non da una, ma da almeno tre sorgenti sotterranee originate da una falda acquifera sotterranea, ha dimostrato Nigro. Queste sorgenti d’acqua dolce sono state scoperte dopo che il kothos era stato drenato per scopi di scavo. Fu allora che fu dimostrato che in nessun momento del periodo fenicio il kothos era stato collegato al mare, spiega Nigro. Quindi un porto artificiale, sicuramente non avrebbe potuto essere. Era anche poco profondo, essendo profondo da 80 centimetri a 1,5 metri, difficilmente il biglietto per manovrare le barche da guerra.

Anche scomoda per la navigazione, ma adatta alla venerazione, proprio nel mezzo di questa sacra piscina d’acqua dolce c’era una statua di pietra di Baal che avrebbe raggiunto un’altezza di 2,4 metri, dice Nigro, anche se non c’è più – torneremo a questo punto. Il dio era su un podio alto 1,5 metri, suggerisce. In vista del nuovo documento, il team ha allestito una replica della statua di Baal nella piscina, che ha reso “tutto più chiaro” e ha anche scavato più “temenos”, il muro circolare che circonda il complesso religioso con i tre templi, l’archeologo dice.

Salpando dal Libano tra le stelle

I grandiosi templi furono scoperti durante i rinnovati scavi iniziati nel 2002. Uno era un grande tempio a Baal che operò dall’800 a.C. circa al 397 a.C. circa, ha dedotto Nigro, scrivendo in un documento precedente che la natura delle strutture mostra i segni distintivi delle radici dei Mozia Fenici nella loro patria di Canaan (Libano).

Gli scavi dal 2009 al 2021 hanno svelato il muro “temenos” che aveva circondato il sacro recinto e un tempo era alto circa tre metri. Gli archeologi hanno anche rinvenuto un tempio dedicato alla dea Astarte e un edificio cultuale che Nigro ha soprannominato il “Santuario delle Acque Sante” per le sue strutture idrauliche e cultuali: il santuario comprende tra l’altro un santuario e un’area per i sacrifici animali. Ma soprattutto, crede che la piscina al centro del complesso possa essere servita anche da superficie per osservare e mappare le stelle. La superficie dell’acqua avrebbe rispecchiato il cielo, come fa l’acqua – nientemeno che Leonardo da Vinci ha sottolineato gli attributi dell’acqua stagnante inerte durante lo studio del cielo notturno. Per prima cosa, le stelle erano adorate dai Fenici, sia come dèi che come antenati defunti; e la posizione delle costellazioni era di vivo interesse per i marinai tra di loro ai fini della navigazione, sottolinea Nigro. Ha scoperto che le posizioni delle costellazioni nel cielo notturno in date significative, come solstizi ed equinozi, si rispecchiano negli allineamenti delle strutture principali del complesso. Le stele sono state “posizionate con cura all’interno del temenos per contrassegnare il sorgere, lo zenit o il tramonto delle stelle sull’orizzonte“, scrive.

Il Tempio di Ba’al, i suoi propilei (porta di accesso) e un certo numero di stele allineate sono tutti orientati verso il punto dell’orizzonte in cui sorge Orione subito dopo il tramonto al solstizio d’inverno“, specifica. Gli orientamenti si basano sulla ricostruzione archeoastronomica del cielo notturno quando fu costruito il tempio, intorno al 550 a.C., spiega Nigro in un documento separato. Il che ci riporta a Baal e alla statua scomparsa nel mezzo della sacra piscina. Se la statua è sparita (tutti tranne un piede scolpito su un blocco di pietra), perché pensare che fosse di Baal? Perché, spiega Nigro, gli archeologi hanno scoperto un’iscrizione con una dedica greca a “Belios” in una fossa votiva accanto all’angolo sud-est della vasca. Greco? Non scrittura fenicia? Sì, Mozia era una città multiculturale e questa iscrizione greca è di fondamentale importanza, spiega Nigro, aggiungendo: “È datata alla metà del VI secolo a.C., su basi paleografiche e anche grazie ai piccoli aryballos su cui è iscritta“. C’era ancora una statua, non di Baal, ma apparentemente di un dio con la testa di babbuino dalle orecchie di cane, il rappresentante del dio Thoth, che dà credito alla teoria astronomica della funzione della piscina, dice Nigro.

I Fenici adoravano non solo Baal e Thoth, ma anche elementi cosmici. Baal, per esempio, era rappresentato dalla costellazione di Orione , dice Nigro, e a Mozia, il Tempio di Ba’al, le porte e diverse stele allineate sono orientate verso il punto dell’orizzonte dove sorge Orione subito dopo il tramonto in inverno, basato sulla ricostruzione archeoastronomica del cielo intorno al 550 a.C. Baal era anche adorato dai cananei e divenne lo spauracchio dei seguaci di Yahweh, sebbene i primi israeliti non fossero chiaramente i monoteisti irriducibili che gli ebrei moderni tendono ad assumere. Apparentemente adoravano il pantheon , incluso Baal. Ma Baal era particolarmente fastidioso, a quanto pare; il suo nome compare decine di volte nella Bibbia, mai in senso positivo; fino ad oggi Israele ha città intitolate al dio. Eppure prevalse, Baal no; le città dell’Israele biblico a lui intitolate sono scomparse, mentre le città che prendono il nome da altri dei, tra cui Shamash, il dio della luna Yarekh ed El, sono ovunque . Il punto di svolta potrebbe essere stato l’impulso riportato dalla regina Jezebel (figlia del re Ithobaal di Tiro!) di costringere Israele ad adorare Baal epurando i profeti di Yahweh, come descritto in I Re 18. Non ha funzionato.