Salute degli animali e aspettative di vita: i Jack Russell Terrier vivono più a lungo

Un recente studio ha perseguito l'obiettivo di aprire la strada al monitoraggio delle aspettative di vita dei cani a diverse età, in modo simile agli esseri umani

MeteoWeb

Jack Russell Terrier e Yorkshire Terrier hanno le più alte aspettative di vita delle razze canine nel Regno Unito, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Allo stesso tempo, le razze dalla faccia piatta come i Bulldog francesi e i Carlini hanno alcune delle aspettative di vita più basse.

Kendy Tzu-yun Teng, Dan O’Neill e colleghi hanno analizzato 30.563 registrazioni di decessi di cani da studi veterinari in tutto il Regno Unito tra il 2016 e il 2020 utilizzando il database VetCompass, classificato in 18 razze canine riconosciute dal Kennel Club e anche un gruppo di cani incrociati . Hanno creato tabelle di vita che calcolano l’aspettativa di vita durante tutto il ciclo di vita, a partire dalla nascita (0 anni).

I Jack Russell Terrier avevano la più alta aspettativa di vita alla nascita (12,72 anni), seguiti da Yorkshire Terrier (12,54 anni), Border Collie (12,10 anni) e Springer Spaniel (11,92 anni). Al contrario, i Bulldog francesi avevano l’aspettativa di vita più bassa alla nascita (4,53 anni). Questo è circa tre anni in meno rispetto ad altre razze dalla faccia piatta che hanno mostrato una bassa aspettativa di vita alla nascita, inclusi Bulldog inglesi (7,39 anni) e Carlini (7,65 anni). Gli autori propongono che queste brevi aspettative di vita potrebbero derivare dagli elevati rischi per la salute noti che si verificano in queste razze dalla faccia piatta.

In tutte le razze canine, l’aspettativa di vita media all’età di 0 anni per i cani maschi era di 11,1 anni, quattro mesi in meno rispetto alla stima per le femmine. I cani sterilizzati avevano un’aspettativa di vita più alta (11,98 anni per le femmine e 11,49 anni per i maschi) rispetto a quelli non castrati (10,50 anni per le femmine e 10,58 anni per i maschi). Gli autori discutono dei potenziali benefici della sterilizzazione e dell’aumento dell’aspettativa di vita associata e se la sterilizzazione potrebbe riflettere proprietari di cani più responsabili e cure migliori.

Gli autori concludono che il loro lavoro consentirà ora di monitorare le aspettative di vita dei cani a diverse età, in modo simile agli esseri umani, e può migliorare le previsioni per diverse razze nel Regno Unito. Potrebbero esserci anche altri vantaggi pratici come aiutare i rifugi per cani a fornire stime accurate dell’aspettativa di vita rimanente di un cane durante il reinserimento.