Il campione cinese del petrolio prepara la ritirata occidentale per i timori di sanzioni

Il principale produttore offshore di petrolio e gas cinese CNOOC Ltd. si sta preparando a uscire dalle sue attività in Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti

MeteoWeb

I legami tra la Cina e l’Occidente sono stati a lungo tesi da questioni commerciali e di diritti umani e la tensione è cresciuta dopo l’invasione russa dell’Ucraina, che la Cina si è rifiutata di condannare. Gli Stati Uniti hanno affermato la scorsa settimana che la Cina potrebbe affrontare delle conseguenze se aiutasse la Russia a eludere le sanzioni occidentali, che hanno incluso misure finanziarie che limitano l’accesso della Russia alla valuta estera e complicano l’elaborazione dei pagamenti internazionali.

Ora, secondo fonti del settore, il principale produttore offshore di petrolio e gas cinese CNOOC Ltd. si sta preparando a uscire dalle sue attività in Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti, a causa delle preoccupazioni a Pechino che le attività potrebbero essere soggette a sanzioni occidentali.

Le aziende effettuano periodicamente revisioni dei loro portafogli, ma l’uscita avverrebbe meno di un decennio dopo che la CNOOC, di proprietà statale, è entrata nei tre Paesi tramite l’acquisizione da 15 miliardi di dollari della canadese Nexen, un accordo che ha trasformato il campione cinese in uno dei produttori mondiali leader.

Secondo i calcoli di Reuters, le attività, che includono partecipazioni in importanti giacimenti nel Mare del Nord, nel Golfo del Messico e grandi progetti canadesi di sabbie bituminose, producono circa 220.000 barili di petrolio equivalente al giorno. Il mese scorso, Reuters ha riferito che CNOOC aveva assunto Bank of America per prepararsi alla vendita delle sue attività nel Mare del Nord, che includono una partecipazione in uno dei giacimenti più grandi del bacino.

CNOOC ha lanciato una revisione globale del portafoglio prima della sua quotazione pubblica pianificata alla borsa di Shanghai in questo mese, che mira principalmente a sfruttare finanziamenti alternativi dopo il delisting delle sue azioni statunitensi lo scorso ottobre, hanno affermato le fonti. Il delisting faceva parte di una mossa dell’amministrazione dell’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2020 che prendeva di mira diverse società cinesi che Washington riteneva fossero di proprietà o controllate dall’esercito cinese. La Cina ha condannato la mossa.

CNOOC sta anche approfittando di un rally dei prezzi del petrolio e del gas, guidato dall’invasione russa dell’Ucraina, e spera di attirare acquirenti mentre i Paesi occidentali cercano di sviluppare la produzione interna per sostituire l’energia russa. Mentre cerca di lasciare l’Occidente, CNOOC sta cercando di acquisire nuove attività in America Latina e Africa e vuole anche dare la priorità allo sviluppo di nuove grandi prospettive in Brasile, Guyana e Uganda, hanno affermato le fonti.

CNOOC sta cercando di vendere asset “marginali e difficili da gestire” in Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti, ha detto a Reuters una fonte importante del settore, rimasta anonima. La fonte ha affermato il mese scorso che il top management di CNOOC ha ritenuto che la gestione degli ex asset di Nexen fosse “scomoda” a causa della burocrazia e degli elevati costi operativi rispetto ai Paesi in via di sviluppo.

CNOOC ha dovuto affrontare ostacoli in particolare negli Stati Uniti, come le autorizzazioni di sicurezza richieste da Washington affinché i suoi dirigenti cinesi entrassero nel Paese, ha aggiunto la fonte. “Risorse come le acque profonde del Golfo del Messico sono tecnologicamente impegnative e CNOOC aveva davvero bisogno di lavorare con i partner per imparare, ma ai dirigenti dell’azienda non era nemmeno permesso visitare gli uffici degli Stati Uniti. È stato un dolore in tutti questi anni e l’inserimento nella lista nera di CNOOC da parte dell’amministrazione Trump ha peggiorato le cose“, ha detto la fonte.

Nel suo prospetto prima dell’offerta pubblica iniziale, CNOOC ha affermato che potrebbe dover affrontare ulteriori sanzioni. “Non possiamo prevedere se la società o i suoi affiliati e partner saranno interessati dalle sanzioni statunitensi in futuro, se le politiche cambiano“, ha affermato CNOOC.

Negli Stati Uniti, CNOOC possiede asset nei bacini onshore di Eagle Ford e Rockies shale, nonché partecipazioni in due grandi giacimenti offshore nel Golfo del Messico, Appomattox e Stampede. I suoi principali progetti di sabbie bituminose in Canada sono Long Lake e Hangingstone nella provincia di Alberta.