Copernicus: 3° marzo più freddo negli ultimi 10 anni in Europa, caldo anomalo in gran parte di Artico e Antartide

La temperatura media globale per marzo 2022 è stata di circa 0.4°C superiore alla media 1991-2020: tutti i dettagli del bollettino Copernicus su temperature e ghiaccio marino

MeteoWeb

Copernicus Climate Change Service (C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea con il finanziamento dell’UE, pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti osservati nella temperatura dell’aria superficiale globale, nella copertura del ghiaccio marino e nelle variabili idrogeologiche. Tutti i risultati riportati sono basati su analisi generate da computer utilizzando miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche di tutto il mondo. Ecco il bollettino sulla temperatura dell’aria superficiale globale e sul ghiaccio marino relativi a marzo 2022.

La temperatura media globale di marzo 2022 è stata di circa 0,4°C superiore alla media del periodo 1991-2020 di marzo, il che la rende la quinta più alta mai registrata. L’Europa nel suo insieme è stata di circa 0,4°C più fredda della media a marzo 2022, che è la terza temperatura più fredda negli ultimi 10 anni. È stato osservato, però, un contrasto nelle anomalie di temperatura in tutta Europa, con condizioni più calde della media a nord e condizioni più fredde della media a sud; queste condizioni fredde si estendevano al Nord Africa e in Russia.

Condizioni più calde della media sono state riscontrare nel Nord Europa, dove le temperature più alte si sono verificate nella Norvegia settentrionale. Al contrario, nell’Europa meridionale si sono verificate condizioni più fredde della media. In particolare, Grecia e Turchia hanno avuto le anomalie più fredde. L’anomalia fredda nell’Europa sudorientale si è estesa al Nord Africa, al Medio Oriente e al Caucaso e alla Russia. Condizioni più fredde della media sono state riscontrate anche nell’Africa nord-occidentale e meridionale, in una vasta area del Sud America, nelle Montagne Rocciose degli Stati Uniti e nel Canada centrale. Interessanti anomalie leggermente più fredde della media sono state osservate nell’Australia occidentale al passaggio del ciclone tropicale Anika.

Temperature più alte del solito si sono verificate in un’area dall’Iran in India e in Cina. In particolare, l’India ha avuto il suo marzo più caldo nelle registrazioni che risalgono a 122 anni fa. Condizioni più calde della media sono state osservate anche nella Russia nord-orientale, nell’Antartide orientale, nell’Artico, nell’Australia settentrionale, nell’Africa centrale, lungo la costa del Pacifico del Nord America e negli Stati Uniti orientali.

Le temperature dell’aria variavano nell’Oceano Atlantico, a parte un’area più calda della media al largo degli Stati Uniti orientali e un’area più fredda della media nel Mar Labrador e a sud della Groenlandia. Le condizioni erano contrastanti in tutto l’Oceano Pacifico, con temperature superiori alla media principalmente sulle medie latitudini del Pacifico settentrionale e meridionale. Le temperature della superficie del mare più calde della media a est dell’Australia hanno causato un evento di sbiancamento nella Grande Barriera Corallina. Temperature al di sotto della media si sono verificate lungo la costa del Nord America occidentale e ad ovest del Sud America. Anche le regioni tropicali e subtropicali del Pacifico orientale erano più fredde della media, il che è correlato alle continue condizioni di La Niña. Osservato un mix di anomalie calde e fredde sull’Oceano Indiano e sull’Oceano Australe.

A livello globale, marzo 2022 è stato:

  • di 0,39°C più caldo rispetto alla media 1991-2020 per marzo
  • il quinto marzo più caldo mai registrato
  • di quasi 0,2°C più freddo rispetto al marzo più caldo, che è stato nel 2016.

La temperatura media europea per marzo 2022 è stata di 0,43°C inferiore alla media 1991-2020. Il mese è stato il terzo marzo più freddo degli ultimi 10 anni, ma è stato molto meno estremo – circa 2,4°C più caldo – rispetto all’anomalia di -2,71°C di marzo 2013.

Gli ultimi 12 mesi da aprile 2021 a marzo 2022

Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Le temperature medie degli ultimi dodici mesi sono state:

  • sopra la media sulla maggior parte delle aree terrestri e sulla maggior parte della superficie oceanica
  • nettamente al di sopra della media 1991-2020 in una regione che si estende dall’Arabia settentrionale alla Siberia, e sul Nord America centrale, l’Africa nordoccidentale e centrale, il Sud America meridionale, l’Antartide orientale e il Mare di Weddell
  • vicino alla media su gran parte dell’Europa, ma al di sopra della media a est e in misura minore su una fascia dall’Irlanda alla Scandinavia meridionale
  • al di sotto della media su alcune aree terrestri, comprese parti del Canada settentrionale e dell’Alaska, la Russia più orientale, il Sud America nord-orientale, l’Africa meridionale, l’India, l’Australia e l’Antartide
  • al di sotto della media nel Pacifico equatoriale orientale, dove l’evento La Niña che ha raggiunto il picco alla fine del 2020 si è reintensificato nel 2021 ed è continuato nel 2022
  • al di sotto della media sul mare di Chukchi, parti del Pacifico settentrionale orientale e diverse aree oceaniche nell’emisfero meridionale.

A livello globale, gli ultimi dodici mesi sono stati di 0,31°C più caldi della media 1991-2020. Questa anomalia media di dodici mesi è ben al di sotto della media di 0,46°C per i periodi di dodici mesi terminati a settembre 2016 e maggio e giugno 2020, i tre periodi più caldi in questo record di dati. L’anno più caldo è il 2016, con una temperatura di 0,44°C superiore alla media 1991-2020. Il 2020 è stato alla pari del 2016, essendo più fresco di meno di 0,01°C. Il terzo e il quarto anno più caldi sono rispettivamente il 2019 e il 2017, con temperature di 0,40°C e 0,34°C sopra la media. Il 2021 è stato il quinto anno più caldo mai registrato, ma solo leggermente più caldo degli anni 2015 e 2018.

La temperatura media globale per i dodici mesi fino a marzo 2022 è compresa tra 1,1 e 1,2°C al di sopra del livello 1850-1900.

La media per questo periodo di dodici mesi in Europa è di 0,38°C al di sopra della media 1991-2020. Il 2020 è l’anno più caldo mai registrato in Europa con un netto margine, con una temperatura di 1,2°C al di sopra della media 1991-2020.

Ghiaccio marino

L’estensione del ghiaccio marino antartico per marzo 2022 è stata del 26% inferiore alla media del periodo 1991-2020, classificandosi come la seconda più bassa nelle registrazioni satellitari di 44 anni, con ampie aree di concentrazione di ghiaccio marino al di sotto della media nei mari di Ross, Amundsen e Weddell settentrionale. L’estensione del ghiaccio marino artico è stata del 3% inferiore alla media 1991-2020, continuando il pattern di estensioni inferiori alla media ma non estremamente basse osservate da luglio 2021.

Artico

Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

L’estensione media mensile del ghiaccio marino artico a marzo 2022 ha raggiunto 14,7 milioni di km², 0,4 milioni di km² (3%) al di sotto della media 1991-2020 di marzo. Questa è stata l’ottava misura più bassa per marzo nelle registrazioni satellitari. L’estensione di marzo continua una serie di anomalie negative relativamente piccole osservate da luglio 2021, con valori ben al di sopra dei minimi record degli ultimi due decenni. La misura più bassa per marzo è stata registrata nel 2018, con un valore inferiore alla media di circa il 5%. L’estensione giornaliera ha ora iniziato la sua diminuzione annuale dopo aver raggiunto il suo massimo annuale all’inizio di marzo. Si noti che, secondo il National Snow and Ice Data Center (NSIDC) degli Stati Uniti, questo massimo è stato raggiunto un po’ prima, a fine febbraio.

La mappa delle anomalie di concentrazione del ghiaccio marino per febbraio 2022 mostra un mix di valori positivi e negativi nei settori Atlantico e Pacifico dell’Artico, che si riflettono in gran parte nelle anomalie della temperatura superficiale lungo il bordo del ghiaccio marino. Il Mare del Labrador settentrionale ha continuato a registrare concentrazioni superiori alla media, mentre nel Golfo di San Lorenzo e al largo della costa settentrionale di Terranova sono prevalse concentrazioni inferiori alla media. Il settore dell’Atlantico orientale era dominato da concentrazioni inferiori alla media nel Mare di Barents, a est delle Svalbard, e nello Stretto di Danimarca, con solo una piccola area di concentrazioni superiori alla media nel Mare di Groenlandia settentrionale. Nel settore del Pacifico, le concentrazioni sono state ben al di sotto della media nel Mare di Okhotsk, ma prevalentemente al di sopra della media nel Mare di Bering.

Antartide

Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Nel marzo 2022, l’estensione del ghiaccio marino antartico ha raggiunto in media 3,2 milioni di km², 1,2 milioni di km² (26%) al di sotto della media 1991-2020 di marzo, iniziando la sua crescita annuale dopo aver raggiunto il minimo annuale a febbraio. Come a febbraio, l’estensione mensile di marzo si è classificata come la seconda più bassa nelle registrazioni satellitari di 44 anni, una classificazione coerente con quella fornita dall’NSIDC. La misura più bassa di marzo è stata registrata nel 2017 e la terza più bassa nel 2019, con valori rispettivamente del 33% e del 22% inferiori alla media 1991-2020.

La mappa delle anomalie della concentrazione di ghiaccio marino per la regione antartica per marzo 2022 mostra concentrazioni molto al di sotto della media nei mari di Ross e Amundsen, entrambi rimasti in gran parte privi di ghiaccio durante il mese. Concentrazioni al di sotto della media sono prevalse anche nel Mare di Weddell settentrionale. Piccole zone di concentrazioni superiori alla media si sono verificate solo in pochi luoghi intorno al continente, in particolare nel Mare di Weddell orientale.