Covid: esplode la rabbia degli abitanti di Shanghai, scontri con la polizia | VIDEO

I video girati a Shanghai mostrano la rabbia della popolazione relativamente alla politica di rigore

MeteoWeb

Cresce il malcontento a Shanghai, per la risposta inflessibile al Coronavirus: la megalopoli di 25 milioni di abitanti, motore economico della Cina, è diventata epicentro del più grande focolaio del Paese dal picco della prima ondata oltre due anni fa ed è un esempio della rigorosa politica condotta dalle autorità.

I residenti bloccati in casa dall’inizio di aprile si sono lamentati della carenza di cibo e di funzionari troppo zelanti che li hanno costretti alla quarantena, mentre le autorità si affrettano a costruire decine di migliaia di letti per ospitare i pazienti Covid, a fronte di infezioni giornaliere che superano quota 20mila.

Alcuni abitanti di Shanghai si sono anche scontrati con la polizia che aveva ordinato loro di consegnare le case ai pazienti Covid, come si evince da alcuni video postati sui social: nelle scorse ore sono circolati filmati che mostrano gli abitanti all’esterno di un complesso che urlano contro schiere di funzionari in possesso di scudi sui quali si legge la scritta “polizia”, mentre gli agenti cercano di sfondare la loro linea. L’incidente è seguito all’ordine, diretto a 39 famiglie di trasferirsi dal complesso “per soddisfare le esigenze di prevenzione e controllo delle epidemie” e di ospitare i pazienti Covid nei loro appartamenti, secondo quanto riferito da Zhangjiang Group, che gestisce il complesso residenziale.

Shanghai: proteste dei cittadini, la polizia risponde con la forza | VIDEO

Protesta a Shanghai: scontri con la polizia | VIDEO