Covid, la lettera di giudici e magistrati al Parlamento tedesco: “con l’obbligo vaccinale lo Stato uccide intenzionalmente delle persone”

Con una lettera aperta ai membri del Parlamento tedesco, un gruppo di giudici e magistrati ha avvisatoi sui rischi che avrebbe comportato l’introduzione dell'obbligo di vaccino anti-Covid, non solo dal punto di vista sanitario ma anche giuridico

MeteoWeb

A inizio aprile, il Parlamento tedesco ha bocciato il disegno di legge sull’obbligo di vaccino anti-Covid per gli over 60. Prima del voto, un gruppo di magistrati, giudici e membri delle procure tedesche ha inviato una lettera aperta ai membri del Parlamento tedesco, avvisandoli sui rischi che avrebbe comportato l’introduzione di tale obbligo, non solo dal punto di vista sanitario ma anche giuridico.

Un “gruppo di magistrati, giudici e membri delle procure germaniche si sono riuniti in un’associazione più di un anno fa dopo che, con assoluta incomprensione e grande timore, hanno visto quello che stava succedendo allo Stato di diritto. Tramite questo fondamentale voto, hanno inviato una lettera aperta a tutti i membri del parlamento germanico avvertendo i parlamentari: nel caso in cui avessero votato per quest’obbligo vaccinale over 60, dichiarano i giudici mettendolo in grassetto, si sarebbe profilato il reato di tentato omicidio doloso, perché queste sostanze sperimentali di cui non è confermata né l’efficacia né la sicurezza stanno provocando tantissimi morti, tantissimi eventi irreversibili”, ha dichiarato l’avvocato Renate Holzeisen, intervistata da Radio Radio. “Dunque sapendo questi dati inconfutabili, un parlamento che avesse deliberato l’obbligo con queste sostanze pone le basi per un plurimo reato di tentato omicidio, una presa di posizione molto forte. Questi giudici si sono associati con uno statuto e hanno anche un sito sotto l’acronimo “KRiStA” che aggiornano con opinioni quando vedono che i diritti umani dei cittadini tedeschi vengono calpestati”, ha aggiunto l’avvocato Holzeisen.

Ecco alcuni passaggi della lettera, disponibile online. “Da un punto di vista giuridico, l’introduzione di qualsiasi tipo di vaccinazione obbligatoria con i nuovi vaccini COVID-19 – sia essa limitata a determinati gruppi o a “ceppi” – è incompatibile con la Legge fondamentale”, si legge nella lettera. “Si prega di tenere presente l’attuale situazione assurda, che sarebbe stata completamente fuori questione due anni fa: lo stato vuole costringere milioni di persone a farsi iniettare un farmaco che può avere gravi effetti collaterali in singoli casi. Non c’è ancora una piena conoscenza degli effetti collaterali a breve e medio termine e nessuna conoscenza degli effetti collaterali a lungo termine. Lo sviluppo di un vaccino sicuro richiederebbe più di dieci anni. Con i vaccini a mRNA abbiamo persino un principio d’azione completamente nuovo”, continua la lettera.

Una cosa è certa: la vaccinazione provoca addirittura dei decessi. I numeri sono allarmanti. Elencati dall’Istituto Paul Ehrlich nel suo attuale rapporto sulla sicurezza, sono stati segnalati finora 2.255 casi sospetti di esito fatale della vaccinazione. A causa del gran numero di persone colpite, è certo che le morti dovrebbero essere lamentate tra loro semplicemente a causa di questa coercizione statale. In poche parole: decretando la vaccinazione obbligatoria, lo Stato sta uccidendo intenzionalmente delle persone!, scrivono ancora giudici e magistrati.

Il rischio di morte e il carattere ancora sperimentale dei nuovi vaccini comportano anche la violazione degli articoli 2, 3, 8 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo e 6, 7, 17 del Patto civile ONU. Inoltre, vi è una fondamentale mancanza di proporzionalità nella vaccinazione obbligatoria. Tra l’altro, i diritti all’integrità fisica, la libertà di impiego e il diritto all’autodeterminazione informativa sarebbero violati. In ogni caso, il COVID-19 è ora nel range dell’influenza in termini di mortalità. La vaccinazione non crea immunità di gregge e riduce solo marginalmente l’infettività, se non affatto, quindi non offre alcuna protezione giuridicamente rilevante dagli altri. Non protegge né contro le infezioni né in modo affidabile contro i decorsi gravi. Non vi è stato alcun sovraccarico del sistema sanitario in nessun momento durante la pandemia e non vi è alcuna minaccia prevedibile in futuro. In ogni caso, una legge non può essere approvata “in anticipo” per un caso del genere che potrebbe sorgere in futuro”, conclude la lettera inviata al Parlamento tedesco.