Covid, la Polonia si rifiuta di pagare altri vaccini: “non li usiamo”, battaglia legale con Pfizer

Battaglia legale tra la Polonia e l'azienda farmaceutica Pfizer: il Paese si rifiuta di prendere o pagare altre dosi di vaccino anti-Covid

MeteoWeb

La Polonia non prenderà né pagherà altre dosi di vaccino anti-Covid in base al contratto di fornitura dell’Unione Europea, ha affermato il suo Ministro della Salute, ponendo le basi per una battaglia legale con i produttori. La Polonia, insieme ad altri membri dell’UE, ha ricevuto vaccini anti-Covid durante la pandemia in base a contratti di fornitura concordati tra la Commissione Europea e produttori di vaccini come BioNTech e Pfizer o Moderna.

Il più grande fornitore della Polonia è Pfizer. Tuttavia, il Paese ha registrato una copertura di vaccini inferiore rispetto alla maggior parte dell’Unione Europea e ha scorte di vaccini in eccedenza, parte delle quali sono state vendute o donate ad altri Paesi. “Alla fine della scorsa settimana, abbiamo utilizzato la clausola di forza maggiore e abbiamo informato sia la Commissione Europea che il principale produttore di vaccini che al momento ci stiamo rifiutando di prendere questi vaccini e ci stiamo anche rifiutando di pagare. In effetti, la conseguenza di ciò sarà una battaglia legale, che è già in atto“, ha detto il Ministro della Salute Adam Niedzielski all’emittente privata TVN24.

La Polonia non può rescindere direttamente il contratto per la fornitura di vaccini poiché le parti contraenti sono la Commissione Europea e i produttori, ha affermato Niedzielski. Il valore del contratto per la fornitura di vaccini alla Polonia fino alla fine del 2023 con un solo produttore valeva oltre 6 miliardi di zloty (1,4 miliardi di dollari), di cui oltre 2 miliardi di zloty per la fornitura nel 2022.

Pfizer ha affermato che il suo accordo sulla fornitura del suo vaccino anti-Covid agli Stati membri dell’Unione Europea è con la Commissione Europea. “Le nostre discussioni con i governi e i dettagli delle forniture di vaccini sono confidenziali”, ha aggiunto. Il partner di Pfizer, BioNTech, ha solo affermato che il responsabile delle relazioni commerciali con la Polonia è Pfizer.

Il portavoce della Commissione Europea per la salute Stefan de Keersmaecker ha dichiarato in conferenza stampa martedì 19 aprile che gli Stati membri sono vincolati da obblighi contrattuali, ma che hanno compreso la “difficile posizione della Polonia”. “Continuiamo a facilitare la discussione tra il governo polacco e l’azienda al fine di trovare una soluzione pragmatica a questa specifica situazione che il Paese si trova ad affrontare”, ha affermato.

In Polonia, il 59% della popolazione è stato vaccinato con due dosi e il 31% ha ricevuto una dose di richiamo. Questi numeri sono ben al di sotto della media dell’UE del 72,5% e quasi il 53%, rispettivamente. La Polonia, Paese di circa 38 milioni di persone, ha riportato 5.983.864 casi e 115.809 morti legati al Covid.