Covid, quarta dose di vaccino triplica protezione da malattia grave negli over 60

Secondo le ricerche condotte in Israele da ministero, università e ospedale la quarta dose di vaccino protegge dai sintomi gravi negli over 60, l'effetto contro il contagio appare però di breve durata

MeteoWeb

In Israele, il 2 gennaio 2022, ha preso il via la somministrazione agli over 60 di una quarta dose di vaccino anti-Covid Pfizer/BioNTech. Sulla scia di questa campagna vaccinale, un team di ricercatori ha prodotto un nuovo studio, appena pubblicato sul ‘New England Journal of Medicine‘, che aggiunge informazioni sul valore di un secondo booster, tra l’altro con dati relativi all’era della variante Omicron. La necessità di somministrare un nuovo richiamo è tema dibattuto in Europa e in merito si attende il parere delle principali autorità, ovvero Ema ed Ecdc.

Secondo uno studio portato a termine dal ministero della Salute israeliano, tre importanti università del Paese e Sheba Medical Center, il più grande ospedale di Israele, una quarta dose di vaccino anti-Covid è in grado di triplicare la protezione contro malattia grave nelle persone di età pari o superiore a 60 anni, rispetto a una protezione a tre dosi, secondo quanto affermato dal ministero che ha illustrato alcuni dei risultati.

Di breve durata, invece, è risultata essere la protezione contro le malattie gravi non è diminuita durante il periodo di studio. Utilizzando il database del ministero, i ricercatori hanno estratto i dati su oltre 1,2 milioni di persone di età pari o superiore a 60 anni e ammissibili a una quarta dose. Il periodo considerato è quello in cui la variante Omicron di Sars-CoV-2 era predominante, tra il 10 gennaio e il 2 marzo 2022. Se il tasso di malattia grave era tre volte inferiore tra i vaccinati con quarta dose, e la protezione non è diminuita durante il periodo di 8 settimane dello studio, diverso è il discorso per l’infezione: il tasso di casi verificati tra i vaccinati con quarta dose era due volte più basso del gruppo con tre dosi, ma la protezione contro il contagio confermato è sembrata diminuire, suggerendo una breve durata, secondo lo studio.