Crisi idrica in Arabia Saudita: ipotesi pannelli solari per raccogliere la pioggia

L'acqua raccolta dalla pioggia grazie a speciali impianti potrebbe contribuire alla risoluzione della crisi idrica in Arabia Saudita, secondo un nuovo studio

MeteoWeb

La crisi idrica in Arabia Saudita sta compromettendo la salute e la sopravvivenza di moltissime persone. Allo stesso tempo, le acque sotterranee fossili del Paese provenienti da falde acquifere profonde si stanno rapidamente esaurendo. La desalinizzazione e il trattamento dell’acqua forniscono due gigatonnellate di acqua all’anno, ma i processi richiedono un’alta intensita’ energetica e non sono in grado di soddisfare la crescente domanda d’acqua del Paese.

Ora i ricercatori hanno pensato ad una soluzione che coinvolge i pannelli solari. Secondo uno studio, condotto dagli scienziati della King Abdullah University of Science and Technology (KAUST) e pubblicato sulla rivista Journal of Hydrometeorology, il team, guidato da Georgiy Stenchikov, ha utilizzato il supercomputer Shaheen II per stimare l’efficacia di pannelli solari nell’indurre precipitazioni. Gli studiosi hanno calcolato che l’installazione di questi dispositivi lungo una parte della costa occidentale dell’Arabia Saudita potrebbe generare abbastanza acqua piovana per soddisfare il fabbisogno annuale di cinque milioni di persone.

Gli autori hanno valutato i potenziali benefici derivanti dall’installazione di pannelli solari in un’area di 150 x 103 chilometri quadrati. Il primo step, spiegano gli scienziati, e’ stato configurare un modello di previsione meteorologica adatto alla regione di interesse. Una serie di simulazioni con il supercomputer ha poi incorporato dati noti sulle temperature della superficie del mare e della terraferma, considerando anche informazioni su venti, topografia del terreno e precipitazioni. “Il nostro studio – afferma Suleiman Mostamandi, meteorologo presso KAUST, tra gli autori dell’articolo – mostra che la diminuzione della frazione di luce solare riflessa dalla superficie terrestre, nota come albedo della superficie terrestre, puo’ indirettamente provocare un aumento delle precipitazioni. Installando pannelli solari in una zona piana della costiera occidentale dell’Arabia Saudita potrebbe generare 1,5 gigatonnellate di acqua piovana in piu’ ogni anno”. “I pannelli solari – commenta Mostamandi – assorbirebbero piu’ radiazione solare rispetto alla copertura naturale del suolo, innescando infine precipitazioni. Saranno necessari esperimenti sul campo per dimostrare questi risultati”.