Epatite acuta sconosciuta nei bambini, ECDC: “possibile infezione da adenovirus, indaghiamo sull’effetto lockdown”

"Le indagini in questo momento puntano su un collegamento all'infezione da adenovirus"

MeteoWeb

In riferimento alle epatiti acute di origine sconosciuta in bambini precedentemente sani, i dati “sono ancora fluidi, a volte non molto precisi perché ci sono verifiche da fare, ma siamo a circa 190” casi segnalati “in questo momento in tutto il mondo e circa 40 nell’Ue/Spazio economico europeo“: lo ha reso noto, durante una conferenza stampa, Andrea Ammon, direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). “Il Regno Unito è stato il primo Paese a lanciare un allarme all’inizio di aprile e ha segnalato più di 100 casi, ora più Paesi hanno fatto segnalazioni tra cui 10 Paesi Ue/See ma anche Israele e Stati Uniti“.

Molti di questi bambini hanno avuto un’epatite grave, diversi hanno avuto insufficienza epatica e alcuni sono stati sottoposti a trapianto di fegato. “Al momento la causa esatta di questa epatite rimane ancora sconosciuta,” ha sottolineato Ammon. Le epatiti da A a E “sono escluse e le autorità sanitarie pubbliche stanno ora esaminando possibili cause e fattori, le indagini in questo momento puntano su un collegamento all’infezione da adenovirus. Continueremo a monitorare, anche con l’Oms, per capire cosa c’è dietro. Finora non c’è alcun collegamento tra i casi e anche nessuna associazione con viaggi. Stiamo lavorando a una rapida valutazione del rischio che prevediamo di pubblicare giovedì“.

La tesi secondo cui c’è stata “poca esposizione negli ultimi due anni a causa dei lockdown e della poca interazione” tra i bambini “potrebbe essere un fattore, ma non posso né confermarlo né negarlo perché è ancora sotto indagine in questo momento,” ha sottolineato Ammon. “La presentazione clinica più comune è stata l’ittero, quindi l’ingiallimento nella pelle e negli occhi, seguito da vomito e sintomi gastrointestinali che sono compatibili con l’adenovirus su cui alcune indagini puntano, ma poi alcuni di questi bambini hanno avuto sintomi più gravi e insufficienza epatica davvero acuta che ha richiesto di eseguire trapianti di fegato in emergenza“.