Exxon: i profitti della più grande compagnia petrolifera ai massimi da 7 anni

I segnali Exxon registrano profitti trimestrali dai prezzi del petrolio e del gas che hanno raggiunti i massimi da sette anni a questa parte

MeteoWeb

La Exxon Mobil Corp (XOM.N) ha dichiarato che i risultati di produzione del primo trimestre potrebbero superare il record trimestrale di sette anni, con profitti operativi derivanti dal pompaggio di petrolio e gas fino a 9,3 miliardi di dollari. Un’istantanea del trimestre della più grande compagnia petrolifera statunitense conclusosi il 31 marzo ha mostrato che i profitti operativi della sua unità petrolifera e del gas potrebbero aumentare tra 1,9 miliardi e 2,7 miliardi di dollari, rispetto ai 6,6 miliardi del trimestre precedente.

I risultati ufficiali dovrebbero essere pubblicati il ​​29 aprile, secondo un deposito di titoli. Exxon non copre, né blocca le vendite di petrolio, e i risultati generalmente corrispondono alle variazioni dei prezzi dell’energia. L’invasione russa dell’Ucraina ha spinto il petrolio del 45% nell’ultimo trimestre dell’ultimo periodo del 2021, a una media di 114 dollari al barile, la più alta in sette anni. Per saperne di più

I profitti del petrolio e del gas di successo offrono un’anteprima di ciò che ci aspetta per i guadagni petroliferi di altre aziende. Tali risultati potrebbero rafforzare le richieste da parte dei legislatori statunitensi e dell’Unione europea di imposte sugli utili inaspettati sulle società energetiche. I risultati finali potrebbero essere smorzati da danni alle operazioni russe della Exxon. La società il mese scorso ha dichiarato che avrebbe gradualmente abbandonato la Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina. La compagnia petrolifera ha 4 miliardi di asset a rischio di potenziale sequestro e deve affrontare un impatto dall’1% al 2% sulla produzione e sui ricavi del trasferimento. “A seconda dei termini della sua uscita da Sakhalin, alla società potrebbe essere richiesto di compromettere il suo investimento nel progetto“, si legge in una nota.

Foto Ansa

I profitti operativi nella raffinazione potrebbero aumentare fino a 300 milioni, mentre la sua attività chimica potrebbe diminuire fino a 300 milioni rispetto al trimestre precedente. Secondo la stima media di 18 analisti seguiti da Refinitiv IBES, l’utile per azione del primo trimestre dovrebbe essere di 2,12 dollari, ovvero una crescita anno su anno di oltre il 200% rispetto a un anno fa. Gli analisti potrebbero rivedere le loro prospettive sulla base delle stime di Exxon.

I prezzi elevati del petrolio e del gas hanno subito un’accelerazione dopo l’invasione della Russia e sono state imposte sanzioni al suo petrolio, carbone e GNL. I prezzi globali del petrolio hanno raggiunto il massimo da 14 anni nel primo trimestre e da allora si sono raffreddati quando gli Stati Uniti hanno annunciato il rilascio di azioni di emergenza e la Cina ha iniziato un blocco.