Il lago Powell si abbassa: i livelli d’acqua in calo osservati dallo Spazio

In calo i livelli del lago Powell, importante riserva nel bacino del fiume Colorado

MeteoWeb

Dopo decenni di siccità, il livello dell’acqua nel lago Powell, il secondo bacino artificiale più grande degli Stati Uniti, è sceso al livello più basso da quando è stato creato più di 50 anni fa, minacciando milioni di persone che vi fanno affidamento per approvvigionamento idrico. Le immagini satellitari, spiega l’Agenzia Spaziale Europea, consentono di dare un’occhiata più da vicino alla diminuzione del livello dell’acqua del lago durante la crisi climatica.

A cavallo del confine tra il Sud/Est dello Utah e il Nord/Est dell’Arizona, il lago Powell è un importante riserva nel bacino del fiume Colorado. Sul fiume Colorado, attraverso il quale scorre il lago Powell, è stata costruita una diga a Glen Canyon all’inizio degli anni ’60. Il lago fornisce acqua a circa 40 milioni di persone, irriga oltre 2,2 milioni di ettari di terreno e ha la capacità di generare più di 4200 megawatt di elettricità idroelettrica.

A metà marzo 2022, il livello del lago Powell è sceso a 1074 metri sul livello del mare, il dato più basso che il lago ha registrato da quando è stato riempito nel 1980. Questo drastico calo del livello dell’acqua è documentato in immagini a colori naturali catturate dal Copernicus Sentinel -2 missione.

L’area nella foto sotto mostra i cambiamenti della superficie del bacino vicino a Bullfrog Marina, a circa 90 km a nord dalla diga del Glen Canyon, tra marzo 2018 e marzo 2022. Le condizioni di siccità e il calo del livello dell’acqua sono ben visibili nell’immagine catturata il 18 marzo 2022, confrontata con l’immagine del 2018.

lago powell
Copyright contains modified Copernicus Sentinel data (2018-22), processed by ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

 

Il grafico in basso mostra il drastico calo dei livelli medi dell’acqua a marzo dal 2000, quando il livello del lago Powell era a circa 1120 metri di altitudine. L’attuale elevazione è a pochi metri da quello che è considerato il valore minimo al quale la diga del Glen Canyon è in grado di generare energia idroelettrica.

Secondo un rapporto compilato dallo US Geological Survey in collaborazione con il Bureau of Reclamation, il lago Powell ha perso quasi il 7% della sua potenziale capacità di stoccaggio dal 1963 al 2018, quando i tunnel di deviazione della diga del Glen Canyon sono stati chiusi e il serbatoio ha iniziato a riempirsi.

Si dice che la capacità del bacino si stia riducendo a causa dei sedimenti trasportati dai fiumi Colorado e San Juan. Questi sedimenti si depositano sul fondo del bacino e riducono la quantità totale di acqua che il serbatoio può contenere.

Si prevede che il cambiamento climatico renderà la siccità più grave in futuro. Secondo il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) Spring Outlook per gli Stati Uniti, quasi il 60% degli USA continentali sta soffrendo di siccità.

È probabile che queste condizioni persistano in più della metà degli Stati Uniti continentali almeno fino a giugno, mettendo a dura prova le forniture d’acqua e aumentando il rischio di incendi. Sebbene queste condizioni non siano nuove, l’agenzia prevede che potrebbero peggiorare nei prossimi mesi.